Cerca nel sito
Italia monumenti Rovigo necropoli

Frattesina, lo splendore dell'Età del Bronzo polesano

Un capitolo importante e poco noto della protostoria italiana si è svolto nella provincia di Rovigo

Fratta Polesine
istockphotos
Villa Badoer
Nella tarda Età del Bronzo, lungo un ramo di fiume Po oggi estinto (chiamato Po di Adria), si trovavano diversi insediamenti. L’abitato più esteso era Frattesina i cui resti, con le necropoli, sono considerati tra i più preziosi in Europa relativi a quel periodo storico. Attualmente il territorio corrisponde ad un’area di campagna vicino a Fratta Polesine, nella provincia di Rovigo, località altrimenti nota per la palladiana Villa Badoer (Patrimonio UNESCO). È proprio in una porzione della villa che si trova il Museo Archeologico Nazionale che ospita i reperti di Frattesina.
 
L’antico Polesine vide sorgere numerosi villaggi e piccoli nuclei in Età del Bronzo finale, ma quello di Frattesina testimonia uno sviluppo eccezionale, in particolare tra il XII e il X secolo a.C.. Sono molti i reperti ritrovati che hanno permesso agli studiosi di ricostruire la vita quotidiana dei suoi abitanti, l’eccezionalità della tecnica locale, i successi commerciali. Il percorso del Museo Archeologico ne illustra le peculiarità e le contestualizza, servendosi di pannelli esplicativi ma anche della ricchezza di testimonianze e reperti. Per esempio, sono state ampiamente illustrate le attività domestiche come la cottura dei cibi, le forme di gioco e intrattenimento, la filatura e la tessitura. Ma anche le attività di caccia e pesca, i cui strumenti sono stati ampiamente ritrovati (ami, falcetti, asce). 
 
Numerose anche le testimonianze di attività artigianali, tanto che si suppone avessero non solo utilità ‘interna’ al villaggio, ma che i manufatti venissero commerciati, sfruttando il favore della via fluviale. La lavorazione dei metalli era assai sviluppata (bronzo, piombo, oro), così come quella dell’argilla, del vetro e dell’osso. Sono state ritrovate strutture per la fusione, oltre a decine di utensili per la produzione metallurgica. Ad avvalorare la teoria secondo cui gli artigiani di Frattesina commerciassero ampiamente i loro manufatti, la presenza di materiali di origine esotica (avorio d’elefante, ambra del Baltico, ceramiche greche, uova di struzzo) che rivelano una pratica di ‘import-export’ di eccezionale rilievo. 
 
Non meno importante dal punto di vista archeologico è il mondo funerario di Frattesina. Nelle due necropoli adiacenti – una in località Fondo Zanotto e una a Narde – sono state rinvenute oltre mille sepolture. Due di esse, accompagnate dalle proprie spade, cosa assai rara per l’epoca. Quella di Frattesina è considerata la più grande necropoli in Europa dell’Età del Bronzo.
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100