Cerca nel sito
Fotografia, mostre, Italia

Fotografia: le migliori mostre del Bel Paese

Con le mostre di Domon Ken ed Eadweard Muybridge, per la prima volta visibili nei musei italiani, si moltiplicano gli "appuntamenti fotografici" in molte zone d'Italia

Hiroshima
Ufficio Stampa Zètema Progetto Cultura
Domon Ken – Bagno presso il fiume davanti al Hiroshima Dome (dalla serie Hiroshima),1957
Al Museo dell'Ara Pacis è sbarcata una grande monografica dedicata ad uno dei fotografi più importanti della storia della fotografia moderna giapponese, considerato il maestro del realismo. Per la prima volta in Italia le fotografie di Domon Ken (1909-1990) saranno, infatti, esposte fino al 18 settembre 2016. Considerato un maestro assoluto della fotografia giapponese e iniziatore della corrente realistica, Domon Ken segnò un capitolo epocale nella storia della fotografia giapponese del dopoguerra, facendo da base al,la produzione fotografica contemporanea e rimanendo punto di riferimento a tutt’oggi per i circoli fotografici amatoriali giapponesi. La fotografia realistica, definita “un’istantanea assolutamente non drammatica”, è dunque la protagonista della mostra che, attraverso un percorso per tematiche, racconta l’ampio lavoro del Maestro abbracciando tutta la cultura giapponese in modo trasversale. 
 
La Galleria Gruppo Credito Valtellinese  presenta la prima mostra in Italia dedicata al fotografo inglese Eadweard Muybridge (1830 – 1904), celebre per aver inventato il movimento, influenzando con le sue immagini Degas e gli artisti del suo tempo e anticipando la nascita del cinema. Il primo approccio professionale con la fotografia, Muybridge, inglese emigrato negli States, lo ebbe documentando la potente bellezza del Parco Nazionale di Yosemite. Poi la curiosità di un uomo d’affari lo spinse a verificare l’ipotesi se, nel galoppo, tutte e quattro le zampe del cavallo risultino contemporaneamente alzate rispetto al suolo, come le dipingeva Gericault e con lui i grandi artisti del momento. Utilizzando 24 fotocamere collegate ad altrettanti fili lungo il percorso, Muybridge ottenne una sequenza di immagini che documentavano con assoluta precisione il movimento dei cavalli, confermando che per alcuni istanti effettivamente nel galoppo l’intero loro corpo risulta sollevato dal suolo, ma indicando anche che l’estensione delle zampe risultata affatto diversa da quella immaginata agli artisti.
 
S'intitola “Panorama” la prima ricognizione sulla carriera di Francesco Jodice che Camera dedica al fotografo e filmmaker nato a Napoli. La mostra che rimarrà visitabile fino al 14 agosto 2016 presenta la più ampia selezione di opere di Jodice mai raccolta in una singola esposizione ed esplora vent’anni del lavoro di questo artista eclettico il quale, proseguendo una propria investigazione dello scenario geopolitico contemporaneo e delle sue trasformazioni sociali e urbanistiche, utilizza tutti i linguaggi della contemporaneità, alternando fotografia, video e installazioni.
 
Nella città di Reggio Emilia si svolge fino al  10 luglio la XI edizione di Fotografia Europea, il festival interamente dedicato alla forma d’arte che più di altre comunica e interpreta la complessità della società contemporanea. Mostre, conferenze, spettacoli, educational e varie iniziative, ospitate nelle principali istituzioni culturali e sedi espositive della città, saranno gli ingredienti di un ricco programma di eventi. Curata da un comitato scientifico composto da Diane Dufour, Elio Grazioli e Walter Guadagnini, la nuova edizione ruota attorno al tema “La via Emilia. Strade, viaggi, confini”. Si tratta di una riflessione sul tema della strada, partendo proprio dalla grande arteria romana che va “dal fiume al mare” per approdare alle vie del mondo, ai luoghi di transito e di confine nella società odierna.

 

Saperne di più su CULTURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati