Cerca nel sito
Castello di Agazzano monumenti italia

Emilia Romagna, cosa rende speciale il Castello di Agazzano

Tra saloni affrescati e fantasmi il complesso piacentino è particolarmente suggestivo

Esterno del castello
© Castelli del Ducato di Parma e Piacenza
Veduta esterna del Castello di Agazzano
La provincia di Piacenza offre la possibilità di andare alla scoperta dei suoi numerosi tesori, ricca com’è di castelli che la puntellano. Tra questi c’è anche Agazzano, rinomata località per i bei paesaggi collinari e i prodotti gastronomici. Qui si erge il complesso del Castello, la cui costruzione iniziò nel 1200 per volere di Giovanni Scoto che ne fece il centro dei suoi possedimenti. Accanto all’iniziale rocca nata con funzione prettamente militare con le torri angolari rotonde, il ponte levatoio e il mastio con rivellino, il complesso venne dotato nel 1475 di un bellissimo loggiato con colonne in arenaria dai capitelli stemmati, voluto da Luigia Gonzaga, ancora oggi percorribile.

Leggi anche: Il sangue blu di Parma e Piacenza (Stile.it)

A tutto questo si aggiunge la villa settecentesca che in origine era il borgo della Rocca, gli appartamenti privati con i camini dell'epoca, le cucine e gli alloggiamenti militari. I suoi saloni sono decorati con bellissime tempere a e arredati con mobili che vanno dal 1600 al 1800. Fiore all’occhiello è la collezione di bellissime ceramiche e porcellane. L’esterno è arricchito dal giardino con il taglio alla francese, ornato di statue e fontana, creato alla fine del Settecento e sviluppato su due livelli. La visita segue un percorso cronologico iniziando dalla Rocca medievale per giungere al Castello nato sull'antico borgo e ristrutturato alla fine del Settecento. Per concludersi nel giardino dove si possono ammirare, accanto alle statue mitologiche, le piante rare degli inizi dell'Ottocento. Chi vuole può richiedere di poter visitare le antiche cantine, che ancora oggi producono vini locali.



Ad offrire un ulteriore tocco di suggestione c’è  anche la storia che vede protagonista il fantasma del Conte Pier Maria Scotti, nobile avventuriero soprannominato il Conte Buso per la sua abilità di spadaccino. Leggenda vuole che venne prima pugnalato a morte e poi gettato nel fossato del Castello nel 1514 da Astorri Visconte e Giovanni da Birago, che riuscirono ad impadronirsi del maniero. Ma il suo corpo non venne mai ritrovato. E sembra che il suo fantasma si aggiri ancora oggi nelle sale e nei giardini del Castello. Il Fantasma de “Il Buso” è pacifico: viene descritto come un uomo molto alto, porta una corazza scura, pantaloni di pelle, stivali, elmo con penna azzurra e spada in mano. A volte cammina serio e guardingo, altre volte facendo ruotare la spada e dopo una serie di rumori metallici ed urla scompare. Al suo posto si odono strani lamenti. Il Castello di Agazzano è un raro esempio di storia, tradizioni e cultura rimasto pressoché intasato nei aspetti medievali e rinascimentali.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Emilia Romagna
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati