Cerca nel sito
Fotografia, mostre, Italia

Da non perdere: le più belle rassegne di fotografia

Dall'indagine approfondita sull'Artico, all'immagine in movimento una ricca scelta di mostre sulla fotografia moderna caratterizza la programmazione dei principali musei italiani

Errore Permanente
Courtesy of the artist and Priska Pasquer Gallery, Cologne
Pieter Hugo – Permanent Error, 2010
E' interamente dedicato all’immagine in movimento il nuovo progetto espositivo che mette in scena al Mast video e installazioni sulle trasformazioni in atto nel mondo del lavoro e della produzione. Si tratta della mostra “Lavoro In Movimento” che curata da Urs Stahel rimarrà visitabile fino al prossimo 17 aprile. Se finora il racconto dell’industria e del lavoro è passato attraverso un percorso scandito dalla narrazione fotografica, in questa mostra sono i video a darne una rappresentazione visiva. 
 
Un’indagine approfondita, attraverso tre angolazioni diverse, di un’ampia regione del pianeta che comprende la Groenlandia, la Siberia, l’Alaska, l’Islanda, e della vita della popolazione Inuit. È questo ciò che propone al pubblico la mostra “Artico. Ultima frontiera” in programma  alla Casa dei Tre Oci fino al prossimo 2 aprile e che mette in scena i temi della difesa di uno degli ultimi ambienti naturali non ancora sfruttati dall’uomo, il pericolo imminente del riscaldamento globale, la sensibilizzazione verso i temi della sostenibilità ambientale e del cambiamento climatico, la dialettica tra natura e civiltà.
 
Fino al al 1° maggio 2017 il  Forte di Bard dedica una mostra ad uno dei più grandi fotografi del Novecento. Si tratta di Robert Doisneau. Icônes che presenta una nuova selezione di fotografie realizzate dal grande artista francese nel corso della sua straordinaria carriera. Fil rouge del percorso la iconicità delle immagini, quelle che maggiormente hanno saputo conquistare l'immaginario collettivo e il grande pubblico, a partire dal celebre bacio del 1950, "Le baiser de l'Hôtel de ville". Oltre ad essere considerato uno dei padri fondatori del fotogiornalismo di strada, Doisneau è infatti uno dei massimi esponenti della "fotografia umanista". Grazie alla sua straordinaria capacità di raccontare la realtà nella sua quotidianità l'artista ha immortalato i miti e le icone della Parigi del '900, cogliendone appieno il loro fascino. 
 
Nel Sottoporticato di Palazzo Ducale una mostra presenta al pubblico gli scatti a colori inediti del celebre fotografo Elliott Erwitt. Conosciuto principalmente per i suoi scatti in bianco e nero, il fotografo ha, infatti deciso solo di recente di mettere mano al suo immenso archivio a colori, una tecnica che aveva scelto di dedicare solo ai suoi lavori editoriali, istituzionali e pubblicitari. Il risultato è “Kolor”, una mostra che fino al 16 luglio consente al pubblico di accedere ad un percorso sorprendente per l’eleganza compositiva, l’uso del colore, l’ironia, talvolta  la comicità e gli altri poliedrici aspetti che rendono Erwitt un autore amatissimo e inimitabile. 
 
 
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su CULTURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati