Cerca nel sito
Castello Scaligero Sirmione Lago di Garda

Castello Scaligero: la rocca nel Lago di Garda

A Sirmione sorge uno dei castelli meglio conservati d’Italia, la fortificazione lacustre della dinastia dei Della Scala

Sirmione
thinkstock
Il Castello Scaligero di Sirmione
Non è solo la posizione mozzafiato sul Lago di Garda a rendere il Castello Scaligero di Sirmione uno dei siti più gettonati d’Italia, al 23esimo posto tra i circuiti museali più visitati nel 2013 secondo il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. La rocca sorge in un punto che un tempo era strategico per le attività difensive, un istmo di terra lungo e stretto nel lago, e oggi è cruciale per il turismo nell’area lombardo-veneta e sosta obbligatoria per chi visita il Garda nel suo lato meridionale. Ma oltre a trovarsi in un punto di alta concentrazione turistica, il Castello Scaligero di Sirmione attira migliaia di visitatori l’anno perché è uno dei manieri italiani meglio conservati, quasi intatto nella sua maestosa architettura risalente al XIII secolo, e soprattutto è uno dei rarissimi esempi di fortezza lacustre.

Leggi anche: Il campanile fluttuante del Lago di Resia

Il castello si trova infatti completamente circondato dalle acque del vastissimo lago, affacciandosi su esso e lasciandosi abbracciare da un fossato collegato al bacino idrico. Non solo, è uno dei rari castelli con una darsena ancora esistente, esempio unico in Italia. Insomma i connotati per rientrare tra le prime attrazioni turistico-culturali del nostro paese ce li ha, e se non bastassero le motivazioni storico-artistiche, ci pensa un pizzico di leggenda a completare il fascinoso quadro. Si narra infatti che nelle notti di tempesta si possano ancora udire i lamenti di Ebengardo, infelice abitante del castello che, con la moglie Arice, offrì ospitalità in una nottata temporalesca ad un certo Elaberto, cavaliere feltrino. Egli però cercò di sedurre la donna nel cuore della notte, e, al rifiuto di lei, l’accoltellò e l’uccise: Ebengardo scoprì il misfatto e con lo stesso pugnale mise fine alla vita del cavaliere, ma per il resto della vita (e anche oltre) continuò a disperarsi per la perdita dell’amata.

GUARDA: SOGGIORNARE A BORDO LAGO IN UN HOTEL DA SOGNO

Leggenda a parte, la storia del castello parla chiaro: fatto erigere da Leonardino Della Scala, detto Mastino I, sul finire del 1200, si trova tra il lago e il borgo di Sirmione, ed era accessibile da un ponte levatoio (oggi solo dal ponte che lo collega al borgo). Le mura e le tre torri sono caratterizzate dalle merlature a coda di rondine, e alle loro spunta un imponente mastio di 47 metri d’altezza, che si erge al centro del cortile e al di sotto del quale si trovavano le celle. È possibile accedere ai camminamenti lungo le mura attraverso una scalinata di circa 150 gradini; giunti qui sopra, si gode di una vista spettacolare sul lago, e soprattutto si può ammirare la singolare darsena, fatta costruire in un secondo momento dalla Repubblica di Venezia, anche se si suppone che ve ne fosse già una in legno di epoca scaligera.

FOTO: I PIU' BEI CASTELLI DEL MONDO

Leggi anche: STRASSOLDO, I PIU' ROMANTICI CASTELLI D'ITALIA

Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100