Cerca nel sito
Castello di Roccavaldina, Associazione Nazionale Dimore Storiche

Castello di Roccavaldina, tutto il calore della Sicilia nella fortezza

L'unico castello in stile fiorentino dell'isola è una location d'eccezione per eventi memorabili

Castello di Roccavaldina<br>
©Associazione Dimore Storiche Italiane
Castello di Roccavaldina. Portale di ingresso
Il grazioso borgo di Roccavaldina, in provincia di Messina, è uno dei più belli d'Italia e vanta un bellissimo e caratteristico Duomo, dedicato a San Nicolò, con la facciata dalle connotazioni rinascimentali e l'interno dove spiccano quadri notevoli come il Sant'Antonio Abate Anacoreta del XVII secolo e la Madonna di Termini di Angelo Chirico. Tre navate scandiscono lo spazio e le tre cappelle dedicate a Sant'Antonio da Padova, al Santissimo Crocifisso e alla Madonna delle Grazie sono splendidamente decorate. Anche le chiese minori, come quella dei Cappuccini, la Chiesa dei Santi Cosa e Damiano o la Chiesa della Madonna della Catena sono meritevoli di una visita approfondita, cosi come l'antico lavatoio di fine Ottocento, l'antico palmento che oggi è museo antropologico, la Casa Vermiglia risalente al Settecento che ospita una collezione di opere d'arte contemporanea o la Fontana Lea, del Seicento, un'opera marmorea formata da una vaca con dodici lati e un blocco centrale con due fontanelle laterali. Splendida e suggestiva è l'Antica Farmacia, una bottega che risale al 1628 e che, al suo interno, custodisce una prestigiosa collezione di manufatti in ceramica, soprattutto maioliche. 

veduta di roccavaldina
Veduta di Roccavaldina / ©Sicily International LTD

Il Castello al centro del paese, a Piazza del Popolo

Quello che però rende celebre Roccavaldina è il suo Castello, che si trova al centro del paese, un tempo simbolo del potere feudale dei Valdina da cui prese il nome l'intero borgo. Si erge in Piazza del Popolo e quasi non si distingue dal basso essendo circondato dalle case antiche, anche perché non si pone nella parte estrema dell'abitato, come di solito avviene con le roccaforti, ma appare all'improvviso limitando tutto il fronte ovest della piazza principale.

La struttura austera era stata progettata per essere una fortezza inespugnabile contro le scorribande saracene, per questo è  giustificata la presenza di cunicoli, sotterranei nascosti, finestre dall'esigua apertura e i pochi ingressi. Il Castello rappresenta la testimonianza storico-architettonica più importante e significativa di Roccavaldina con la sua maestosa costruzione che, se all'inizio era sorta come struttura difensiva, venne in seguito ampliata e adibita a residenza principesca della nobile famiglia dei Principi Valdina.
L'ala realizzata ad inizio del Seicento è stata resa ancora più nobile dall'introduzione di opere pittoriche del Caravaggio, oggi purtroppo andate perdute ma all'epoca testimonianza reale del prestigio nobiliare della famiglia. Nel corso dell'Ottocento il castello venne adibito a struttura detentiva fino al terremoto del 1908 i cui danni vennero curati grazie ad un massiccio restauro nonostante lo stravolgimento dell'impianto originale.

esterno del castello di roccavaldina
Esterno del Castello / © Associazione Dimore Storiche Italiane

E' la facciata principale ad aver mantenuto intatta la propria bellezza conservando il grandioso portale a sesto acuto e due torre cilindriche poste ai lati, quasi a voler invitare il visitatore ad ammirare anche l'interno ricco di sale ed elementi decorativi che si mescolano tra lo stile rinascimentale e la corrente barocca. La struttura presenta due sezioni distinte, di cui la più antica, di origine normanno-sveva, conserva la tipica conformazione medievale con due torri fortificate e con merlature guelfe; l'altra è quella di origine tardo cinquecentesca, con l'imponente palazzo baronale il cui progetto è attribuito all'architetto fiorentino Camillo Camilliani, allievo di Michelangelo, con i probabili interventi, come testimoniano alcuni elementi architettonici, dell'architetto Iacopo Del Duca anch'esso allievo di Michelangelo.

Quello di Rivaldina è l'unico castello di stile fiorentino della Sicilia ed oggi appare costituito da tre parti. Il Fortilizio è quello che resta della robusta costruzione di origine normanno-sveva, di cui rimangono le due torri e il grandioso portale a sesto acuto di stile gotico che si apre al centro della facciata con due robusti battenti in legno guarniti di puntate borchie in ferro. Oltrepassato l'imponente ingresso militare si apre uno spazio piuttosto intimo ed elegante su cui si affaccia il prezioso Loggiato rinascimentale a sei arcate e un monumentale scalone di accesso in marmo. C'è poi la parte più propriamente del Palazzo, caratterizzata da uno stile di transizione tra il rinascimento e il barocco, dove si trovano elementi decorativi tipicamente barocchi innestati su una struttura stilisticamente più antica come ad esempio le conchiglie e le pigne nei timpani o le mensole del balcone angolare che seguono a raggiera l'edificio. Un gioiello di colonnato con volte a croce e colonne apre ad un magnifico salone con le sue due sale annesse. Il tutto concluso con un vasto terrazzo panoramico sul golfo di Milazzo e le isole Eolie da un lato e i Peloritani dall'altro.

loggiato del castello
Il Loggiato / ©Associazione Dimore Storiche Italiane

Oggi è la dimora privata degli ultimi discendenti della famiglia nobiliare che sono riusciti a far conoscere ed apprezzare questo capolavoro storico- architettonico grazie ala possibilità di organizzare matrimoni ed eventi privati per esperienze uniche ed emozionanti. Tutti gli ambienti possono essere allestiti ed utilizzati a seconda delle necessità: negli ampi saloni del Castello si accolgono gli ospiti durante il ricevimento, il terrazzo panoramico è perfetto per l'aperitivo, il prestigioso cortile per il matrimonio all'aperto. E per chi ha voglia di visitarlo in maniera più approfondita sono benvenuti anche gruppi e famiglie per partecipare ad un tour guidato che offre la possibilità di scoprire le vicende storiche più affascinanti riguardanti il Castello.

scalinata castello
Scalinata / ©Associazione Dimore Storiche Italiane

Il Castello di Roccavaldina fa parte dell'Associazione Nazionale Dimore Storiche.
L'Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l'associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Sicilia
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati