Cerca nel sito
Bergamo da scoprire

Bergamo. Tre citta' in una

Ai due volti di Bergamo, Città Nuova e Città Vecchia, se ne aggiunge un terzo ed è la Città sotterranea, ancora poco conosciuta al turismo. Un percorso affascinante tra grotte, cisterne, acquedotti e stalattiti.

Bergamo
©Provincia di Bergamo/Archivio fotografico Marianese
Per chi non la conosce Bergamo sa stupire. Poche città possono offrire al visitatore due volti cosi diversi tra di loro: la Città Vecchia, sul colle, che conserva il tipico aspetto medievale, e la Città Nuova, che si è allargata nella pianura. Di origine celtiche, vanta un passato storico ricco di eventi, dai domini di Etruschi, Galli, Unni, Longobardi, a quelli degli Imperatori tedeschi e Federico Barbarossa, fino ad arrivare alle lotte tra Guelfi e Ghibellini e al dominio di Venezia. In seguito sono avvenute, dopo il governo austro ungarico, le guerre di indipendenza e le lotte patriottiche finchè, nel 1859, la città venne liberata da Garibaldi e conquistò l’appellativo di Città dei Mille.

L’aspetto e il fascino della Città Alta sono soprattutto una conseguenza del sovrapporsi dei monumenti rinascimentali dovuti alla Serenissima e alle precedenti architetture medievali. Superando la grandiosa cinta di mura si entra nel centro storico per immergersi in scorci di grande bellezza. Dalla Piazza Vecchia, con il Palazzo della Regione e la Torre del Comune, all’antica Basilica romanica di Santa Maria Maggiore che ospita la tomba di Gaetano Doninzetti, fino alle fontane e ai viali principali, tutto evidenzia il ricco patrimonio artistico, culturale ed architettonico di cui Bergamo è giustamente orgogliosa.

E motivo in più di orgoglio è senz’altro la scoperta dei sotterranei, che celano numerosi segreti. Una seconda città si trova sotto le strade, che, seppur nascosta, sprigiona altrettanto fascino: grotte, cisterne, acquedotti, antri da dove pendono centinaia di stalattiti, grandi ambienti delle sale di manovra delle cannoniere, corridoi, cammini di ronda e cunicoli delle mura quasi inaccessibili. Sotto il Palazzo del Podestà sono emerse tracce dell’antico Foro Romano, mentre durante i lavori per rifare la pavimentazione del Duomo sono affiorati parti dell’originale pavimento e pilastri dell’antica cattedrale romanica.

Grande è la sorpresa di chi si cimenta nell’esplorazione del sottosuolo, ancora poco conosciuto a livello turistico e salvaguardato gelosamente dai bergamaschi, che comunque organizzano visite guidate. Negli ambienti visitabili si possono ammirare le cannoniere di San Michele e della Fara, la meravigliosa Fontana del Lantro, la miniera presso l’ex monastero di Asino e alcuni rifugi antiaerei. Molte gallerie sotto la rocca e nella Città Alta sono state individuate grazie alla scoperta di vecchi documenti e mappe ritrovati nella Biblioteca Angelo Maj, il che fa pensare che tanto altro ancora debba essere scoperto nei sotterranei di una città che ha davvero tanto da offrire.

Infolink
www.apt.bergamo.it

Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100