Cerca nel sito
Kunsthistorisches Museum Vienna

A Vienna le collezioni del Kunsthistorisches Museum

Costruito alla fine dell'Ottocento per ospitare le collezioni degli Asburgo, il Kunsthistorisches Museum custodisce un enorme patrimonio artistico

Vienna
©iStockphoto
Il Kunsthistorisches Museum
Era il 1891 quando l'Imperatore Francesco Giuseppe I d'Asburgo inaugurò a Vienna il Kunsthistorisches Museum, un vero e proprio museo della storia dell'arte che grazie alla ricchezza delle sue collezioni ancora oggi è considerato come uno dei musei più importanti del mondo. La realizzazione del sontuoso edificio con la facciata rinascimentale venne affidata nel 1867 agli architetti Carl von Hasenauer e Gottfried Semper, con lo scopo di creare una struttura idonea per ospitare le collezioni imperiali e renderle così acessibili al pubblico. All'interno del museo oggi sono conservati oggetti realizzati nell’arco di 5 millenni, dall’epoca egizia, passando per l’antica Grecia fino alla fine del XVIII secolo. La grande raccolta di opere d'arte del museo è la più evidente testimonianza della passione degli Asburgo per il collezionismo, in particolare per l’arte rinascimentale e per quella barocca. 

Kunsthistorisches Museum, interno - ©iStockphoto
 
Le vaste collezioni del Kunsthistorisches Museum sono esposte in diverse sedi della città austriaca  di cui la più importante è sicuramente quella dell'edificio principale sul Ring a Maria Theresien-Platz. Si tratta di una sorta di complesso museale che vede insieme la Pinacoteca, la Kunstkammer, la Collezione di Arte Antica, la Collezione Egizio-Orientale e il Gabinetto Numismatico. Le rimanenti collezioni del museo sono esposte nella Neue Burg, nella Hofburg e a Schönbrunn. Sempre al Kunsthistorisches Museum appartengono le collezioni del Castello di Ambras ad Innsbruck. All'interno del complesso in Maria-Theresien-Platz e più precisamente nel Volksgarten è presente uno spazio destinato alle esposizioni temporanee. Si tratta del Tempio di Teseo dove da aprile a ottobre vengono allestite mostre di arte contemporanea.
 
Per scoprire i principali monumenti di Vienna clicca qui
 
IL GABINETTO NUMISMATICO E LA PINACOTECA
 
Il Gabinetto numismatico consente di ripercorrere lo sviluppo del denaro e delle medaglie dai primordi fino ad oggi grazie a più di mezzo milione di pezzi raccolti di cui in esposizione è possibile ammirarne I 2.500 comprese alcune assolute rarità. Situata al piano nobile la Pinacoteca offre, invece, la possibilità di ammirare capolavori realizzati in un arco di tempo che va dal XV secolo fino all'Ottocento. Fra le opere esposte il “Matrimonio contadino”  di Bruegel, “L’arte della pittura” di Vermeer e la “Madonna del prato” di Raffaello. E poi ancora capolavori di  Dürer, Cranach, Holbein, Rubens, van Dyck, Rembrandt, Tiziano, Francesco Bassano,Veronese, Tintoretto, Caravaggio, Arcimboldo, Velázquez, Canaletto.

Francesco Bassano, Estate ©CLP
 
I CAPOLAVORI ITALIANI
 
Fra i capolavori italiani conservati nella collezione del Kunsthistoriches Museum segnaliamo “l'Estate” di Francesco Bassano, un'opera che ricorda allo spettatore il contesto geografico in cui si è immersi. Raggruppando episodi biblici e soggetti di vita agreste, questa rappresentazione della stagione estiva – identificabile grazie all'apparizione in cielo dei tre segni zodiacali Cancro, Leone e Vergine – è arricchita difatti dal sapore rurale della campagna veneta. Presente anche una “Natura Morta con strumenti musicali” del bergamasco Evaristo Baschenis, che colpisce per minuziosità e simbolismo della caducità. Eseguito verso la metà del XVII secolo, questo “concerto” di strumenti a corda è come una silenziosa rappresentazione teatrale, in cui suonatori fantasma hanno lasciato dietro di sé solamente alcune impronte digitali, intravedibili sullo strato di polvere accumulatosi da tempo sulle casse armoniche: tutto è evanescente, eccetto la pittura, che trionfa sulla fragilità umana. 

Evaristo Baschenis, Natura morta con strumenti musicali - ©CLP
 
LA KUNSTKAMMER E L'ARTE ANTICA
 
Con le sue opere di oreficeria, vasi preziosi, sculture, statuette in bronzo, automi e orologi la Kunstkammer è il frutto della passione collezionistica degli imperatori e degli arciduchi della Casa d’Asburgo. Tra gli oggetti merita particolare attenzione per la sua raffinatezza la famosa “Saliera” di Benvenuto Cellini. La Collezione di arte antica offre poi la possibilità di conoscere il mondo dei greci e dei romani attraverso opere d’arte come vasi greci,  teste scultoree di epoca romana e  la “Gemma Augustea” appartenuta all'imperatore. Infine le sale dedicate alla Collezione egizio-orientale mette in scena arredi funebri, sarcofagi, preziosi papiri, statue e rilievi dell’Antico Egitto. Da non perdere nel percorso espositivo la cappella funeraria di Ka-ni-nisut che un tempo si trovava vicino alle piramidi di Giza. 
 
Per scoprire la villa atelier di Gustav Klimt clicca qui
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati