Cerca nel sito
Capossela, Musica, Torino

A Torino la "Musica dei cieli" con Capossela

Vinicio Capossela mette in scena alle OGR lo spettacolo "I Cerini di Santo Nicola"

Vinicio Capossela
Foto di Giovanni Canitano, artwork Jacopo Leone
Vinicio Capossela
Serata conclusiva alle Officine Grandi Riparazioni di Torino per "La Musica dei Cieli" l'unico festival diffuso sull'intero territorio nazionale dedicato alle voci e alle musiche della spiritualità, in cui artisti importanti della scena italiana e internazionale si confrontano con i temi del sacro e del trascendente. Si tratta di un viaggio musicale fondato sulla convinzione che in Italia, centro del Mediterraneo e millenario crocevia di storie e culture, sia ancora possibile sfidare l'idea che le differenze comportino necessariamente ostilità. Il nostro paese è una cerniera tra continenti e religioni, una frontiera tra mondi vicini e lontanissimi: sta a noi trasformarlo in alveo, coltivarne suoni e melodie, costruirvi progetti musicali piuttosto che muri e reticolati.
 
Così Venerdì 22 dicembre a salire sul palco delle OGR per la serata conclusiva della rassegna sarà Vinicio Capossela con il progetto intitolato "I cerini di Santo Nicola" un «Racconto infiammabile per voci, suoni e canzoni» di ispirazione natalizia. Si tratterà di fatto della prima e unica messa in scena di un testo originariamente concepito come radiodramma, andato in onda la notte di Natale del 2002,  una rappresentazione che sarà arricchita dall'apparizione straordinaria di Paolo Rossi come ospite speciale.
 
Sono passati 15 anni dal 2002 quando, con Jacopo Leone e Francesca Leoncini, Vinicio Capossela identificò il protettore delle vittime dei propri errori, un protettore degli scappati di casa, in San Nicola, nome comune tra gli emigrati meridionali, parente di quel Nicolaus, che fu il primo portatore di doni. San Nicola si identifica con i cerini di legno, che donano alle persone la capacità di sapersi parlare. Per l'occasione, verrà pubblicata anche una "inedizione" a tiratura limitata di 999 copie del testo originale del racconto "I Cerini Di Santo Nicola", lavorata a mano e arricchita di una postfazione che la aggiorna alla contemporaneità. Il libro, progettato dalle Inedizioni Frittflacc Etcetera (www.frittflacc.it) e stampato da LaVitaFelice. 
 
La parte musicale è affidata ad un orchestra composta da Vincenzo Vasi (theremin, vibrafono, campioni, voce), Glauco Zuppiroli (contrabbasso, coro muto), Alessandro "Asso" Stefana (chitarre, coro muto). Tra le canzoni in programma "In clandestinità", "Canzone a manovella", "I pianoforti di Lubecca", "Non c'è disaccordo nel cielo" e il "Voglio essere come te", tema tratto dal film "Il libro della giungla", oltre ad alcune versioni in italiano di classici natalizi come "Campanell'" ("Jingle bells") e "Santo Nicola è arrivato in città" ("Santa Claus is coming to town"). Lo sfondo musicale è tratto dal riverbero di vecchie registrazioni.
 
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100