Cerca nel sito
Firenze farmacia antica

A Firenze, nella più antica farmacia

L’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella accoglie i visitatori in un ambiente unico

speziale
istockphotos
ampolla in antica farmacia
Più che una farmacia, un’istituzione. L’Officina profumo-farmaceutica di Santa Maria Novella, a Firenze, è considerata la più antica d’Europa e uno degli esercizi commerciali più longevi al mondo: da ben quattro secoli qui si tramanda il sapere dello speziale. L’attività commerciale iniziò nel 1612, ma l’edificio in cui si trova è molto più antico, ed era abitato dai frati già nel 1300, i quali si prodigavano nella coltura e la trasformazione di piante medicamentose. La location fa parte del complesso conventuale di Santa Maria Novella, ed è incredibilmente pittoresca.
 
Vi si accede varcando la soglia della Grande Sala Vendita, in origine una cappella che nel XVIII secolo fu adibita a magazzino, e quindi ristrutturata nel 1848 per diventare la zona di accoglienza dei clienti. L’ambiente è caratterizzato da un ampio soffitto a volta affrescato, dove sono rappresentati i continenti in quanto emblema della notorietà della Farmacia nel mondo. Segue la Sala Verde, realizzata tra il 1335 e il 1337 per diventare l’infermeria del convento. È da qui che prese il via l’attività commerciale. Trasformata nel Settecento in sala per ricevere gli ospiti, sollazzandoli con bevande calde ed elisir, è decorata a stemmi, busti marmorei e ritratti (tra cui quelli di tutti i direttori della Farmacia dalle origini a oggi). Vi è quindi un’Erboristeria, che si trova nell’ambiente chiamato Antica Spezieria. Qui si trovava la sala vendite originaria, che ancora conserva mobili e armadi seicenteschi splendidamente intagliati. La sala è riccamente decorata: stucchi sul soffitto a volta raffigurano animali fantastici, frutti e fiori. Candelabri, ghirlande, e motivi decorativi percorrono tutta la stanza. 
 
L’ambiente noto come Sagrestia era un tempo l’aromateria, o ‘Stanza delle Acque’. Qui infatti si conservavano le acque distillate. Il restauro avvenuto nel 2012 ha riportato alla luce affreschi originali del XIV secolo, che rappresentano la Passione di Cristo realizzata dal Mariotto di Nardo. In conclusione, un piccolo museo racconta la storia dell’Officina Profumo-Farmaceutica di Santa Maria Novella, e si trova nella stanza che un tempo ospitava le macchine di produzione dove è possibile ammirare alcuni oggetti impiegati in epoche passate come vasi, ceramiche e accessori dello speziale. Dopo la visita, ci si può infine rilassare nella Tisaneria, dove degustare alcune specialità. Ancora oggi infatti, oltre a prodotti cosmetici, profumi, acque distillate, sali, prodotti erboristici, l’azienda produce liquori, cioccolato, tisane, miele, biscotti. 

Non solo Firenze: scopri Pisa, dove la bellezza è senza tempo
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati