Cerca nel sito
Galatro Calabria Turismo

Galatro, le terme scoperte dai monaci brasiliani del Cinquecento

Le acque sulfuree terapeutiche del Monte Livia, famose per le sue eccellenti proprietà curative, hanno reso il comune calabrese conosciuto anche a livello nazionale

Terme di Galatro, Reggio Calabria
©letermedigalatro.it
Terme di Galatro, Reggio Calabria
Si deve ai monaci brasiliani la scoperta, avvenuta nel 1550, delle acque sulfuree terapeutiche del Monte Livia, famose per le sue eccellenti proprietà curative. Acque che hanno fatto di Galatro, in provincia di Reggio Calabria, un centro termale conosciuto anche a livello nazionale. La storia delle terme di Sant'Elia è legata ai vari ordini monastici che dall'VIII al XVIII secolo si sono occupati della cura degli infermi utilizzando l'acqua sorgiva di cui conoscevano e apprezzavano le proprietà terapeutiche. 
 
Ci troviamo, dicevamo, a Galatro, sulle ultime pendici terrazzate delle Serre Calabre sud occidentali, ai confini della piana di Gioia Tauro. Fu fondato in epoca molto remota da conciatori di pelle che si stabilirono lungo le rive del fiume Metramo. Ma sue notizie certe risalgono soltanto al '951. Nel 1705 i monaci di San Basilio arrivarono a Galatro per fondare un monastero e una chiesa dedicati a San'Elia il Giovane. 

 
Una tradizione vuole che nel monastero, del quale oggi restano soltanto dei ruderi, fosse ospitato il corpo di Sant'Elia Profeta. Da visitare qui la Chiesa di San Nicola, edificata nel XVII secolo, ricca di opere d'arte. La Chiesa Parrocchiale conserva al suo interno un pregevole trittico del Gagini. L'antico monastero basiliano, anche se ridotto a rudere architettonico, conserva intatto il fascino della storia passata. Questo comune è anche meta di escursionisti naturalisti che possono esplorare il grande parco situato nei dintorni della cittadina. 
 
L'acqua termale sgorga alla temperatura di 37°C da numerose polle, le sorgenti S. Elia, in una stretta gola del Monte Livia. Con una composizione chimica tipica delle acque solfuree, salso-bromo-iodiche e salso-iodiche, particolarmente indicate per la cura di malattie reumatiche, dermatologiche, delle vie respiratorie e dell'apparato ostearticolare. Nel centro termale si praticano bagni, fanghi, aerosol, inalazioni, idropinoterapia, insufflazioni endo-timpaniche, irrigazioni vaginali e rettali, nebulizzazioni, cure elettriche, massaggi. è attivo anche un centro di estetica, che propongono tantissimi trattamenti, e di riabilitazione funzionale. Le indicazioni terapeutiche riguardano patologie artroreumatiche, otorinolaringoiatriche, infiammatorie, respiratorie, dermatologiche e ginecologiche. 

 
Fiore all'occhiello del centro è la balneoterapia termale, utilizzando acque minerali terapeuticamente attive. Questa associa alle proprietà fisiche gli effetti biologici e terapeutici esercitati dai mineralizzatori. Il bagno viene effettuato in vasca singola con possibilità di idromassaggio che costituisce una particolare metodica massoterapica che sfrutta la pressione esercitata da getti dell'acqua. La temperatura è di circa 38° C. per una durata compresa tra i 15 ed i 20 minuti. E sono particolarmente indicati per trattamenti di patologie osteoarticolari e delle seguenti malattie della pelle. Ma anche psoriasi, dermatiti eczematose, dermatite atopica, acne, dermatite seborroica, prurito.
 
Saperne di più su BENESSERE
Correlati per regione Calabria
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati