Cerca nel sito
  / HOME
Trieste crocevia multiculturale

Trieste crocevia multiculturale

Fondato oltre 2mila anni fa, il capoluogo è un vivace centro internazionale.

«Trieste ha una scontrosa grazia. Se piace, è come un ragazzaccio aspro e vorace, con gli occhi azzurri e mani troppo grandi per regalare un fiore ». Ecco la folgorante essenzialità con cui Umberto Saba descrive il capoluogo giuliano. Introversa e ghiacciata d'inverno dalla bora è, però, in grado di disarmare con i suoi colori, le giornate di serenità marina. Dove il Carso scende nel mare, la lunga arcata urbana distesa sul golfo trova le sue origini nella colonia romana di Tergeste, fondata più di duemila anni fa.

Trieste, città internazionale per storia e per cultura, offre ad ogni visitatore il suo momento magico. Il nucleo più antico della città sorse sul colle di San Giusto, e proprio sul colle se ne possono ora ammirare le vestigia: oltre al Castello, di edificazione relativamente recente si trovano i resti della Basilica Forense e, sulle falde, il Teatro, che risalgono all'epoca imperiale.

La Basilica è oggi la cattedrale e quasi il simbolo della città, riassumendone diciannove secoli di storia: infatti il primo nucleo è il propileo in pietra di Aurisina già esistente nel I secolo d.C. e che si immagina imponente sulla base delle colonne e dei lacerti di muro conservati nell'attuale campanile. Dopo l'unione degli edifici sacri paleocristiani, iniziata ai primi dei Trecento per volontà del vescovo Pedrazzani, si configurò il nuovo, vasto edificio, dalla facciata bizzarramente ma comprensibilmente irregolare; l'attenzione si concentra però sul grande rosone centrale, trecentesco, dal raffinato disegno. Sulla facciata si aprono le tre porte d'ingresso, decorate con materiale romano riadattato: fra gli stemmi e le lapidi inserite nella struttura muraria spicca quello che ricorda il vescovado dell'umanista Enea Silvio Piccolomini, poi papa con il nome di Pio II. A fianco della facciata si innalza, simile al torrione di un fortilizio medievale, il campanile trecentesco costruito in grossi blocchi di arenaria ed ornato di un fregio romano e di un altorilievo gotico rappresentante San Giusto, patrono della città.

Il Teatro Romano dovrebbe risalire agli anni a cavallo tra I e II d.C. e sorgeva originariamente fuori le mura fatte costruire da Augusto nel 33 d.C., delle quali rimane l'Arco di Riccardo, solida costruzione che si eleva nei pressi della seicentesca chiesa di Santa Maria Maggiore.

Il teatro romano ha ritrovato la luce negli anni Trenta durante dei lavori di manutenzione a un quartiere che lo ricopriva; nella cavea d'impianto semicircolare, secondo la più pura tradizione classica, scavi hanno permesso di ritrovare alcune pregevoli statue ed elementi decorativi che costituivano l'ornamentazione dei proscenio.
Le prime costruzioni dedicate al culto cristiano furono la Basilica dell'Assunta ed il Sacello di San Giusto, martire e patrono della città, poi riunite nel quattordicesimo secolo nell'attuale Basilica di San Giusto, eretta riutilizzando in parte materiale preesistente.

 Articolo tratto da Il Sole 24ore del 5-10-2005
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100