Cerca nel sito
  / HOME
Castelli di Parma e Piacenza

Stanotte dormo nel Castello!

Viaggio nel tempo tra le mura dei 22 manieri dell'Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza

Castello Scipione
©castellidelducato
Prima di tutto occorre rispolverare i  libri di storia, o semplicemente fare un salto su internet, per ricordarsi della storia del Ducato di Parma e Piacenza: nato nel 1545 e durato oltre tre secoli nei quali si intervallarono la dominazione dei Farnese, dei Borboni, di Napoleone e degli Asburgo, ha lasciato tesori preziosi tra boschi e vigneti. Si tratta di bellissimi castelli dalle mura massicce ed imponenti che sorgono tra campi dorati di grano e il verde brillante.

Sono per l’esattezza i 22 manieri dell’Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, tutti da visitare e, per chi è in cerca di emozioni davvero uniche da custodire come ricordo, in alcuni casi vi si può anche alloggiare. Si trovano 12 nel Parmense e 10 nel Piacentino e garantiscono un vero e proprio viaggio a ritroso nel tempo, per un tuffo nel Medioevo. Visitare queste zone significa ritrovarsi in quel periodo quando le città non esistevano e il centro sociale e culturale era racchiuso tra le cinta fortificate di un maniero.

Ecco allora il Borgo di Vigoleno, nei pressi della valle dei torrenti Ongina e Stirone, con le alte mura merlate appartenuto tra gli altri alla Duchessa Maria Ruspoli di Gramon. Ad Agazzano (in provincia di Piacenza) sopravvivono tuttora sia la rocca, un’austera struttura militare, che il castello, elegante dimora nobiliare in stile settecentesco. Nei dintorni si trovano anche la Rocca d’Olgisio, una fortezza con loggiato cinquecentesco e possibilità di pernottare, il Castello Malaspina dal Verme in Val Trebbia e quello di Gropparello con il Parco delle Fiabe. Così come il Castello di Rivalta, tuttora residenza dei reali di Inghilterra, e il Castello di Grazzano, fatto costruire nel Novecento dal Duca Giuseppe Visconti al cui interno si trovano anche il labirinto, la casetta dei giochi, un giardino all’italiana e parchi alla francese e all’inglese.

Spostandosi in provincia di Parma, invece, sfilano il Castello di Felino con il museo dedicato al famoso Salame nei suoi sotterranei; il Castello di Montechiarugolo che si dice sia abitato dal fantasma della fata Bema; il Castello di Scipione, voluto nell’XI secolo dai Marchesi Pallavicino, che ancora oggi vi abitano,  ricco di soffitti a cassettoni così come di affreschi e decorazioni originali. Ma non solo storia racchiudono questi tesori: vi sono custodite anche vere e proprie opere d’arte, come la saletta dipinta dal Parmigianino dal tema del mito di Diana e Atteone nella Rocca Sanvitale di Fontanellato, la collezione Gambarotta nel Castello Campiano, i quadri rinascimentali della Rocca dei Rossi a San Secondo e la Camera d’Oro del Castello Torrechiara attribuita a Benedetto Bembo.

Informazioni

Associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza
segreteria@castellidelducato.it
0521.823220/823221
www.castellidelducato.it

Vai alla GUIDA EMILIA ROMAGNA

Leggi anche:
Le ricordanze dei sapori a Parma e Piacenza
Saperne di più su
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati