Cerca nel sito
  / HOME
perugia casa del cioccolato perugina

Perugia: dal "cazzotto" al bacio

Tutti i segreti del bacio più dolce d'Italia possono essere scoperti alla Casa del Cioccolato Perugina: museo, fabbrica, negozio, laboratorio del gusto.

Baci Perugina
Baci Perugina
Un Museo storico dove carpire tutti i segreti della Perugina, una zona assaggi per farsi tentare dalle ultime diavolerie cioccolatose, una fabbrica che svela tutti i processi di produzione legati all’oro nero dei Maya e uno shop ad alto tasso glicemico dove trovare prodotti in esclusiva. Perugia racchiude tutto questo non solo durante i giorni dell’Eurochocolate quando la città si trasforma in una sorta di pasticceria a cielo aperto. Ogni periodo dell’anno è buono (anzi, buonissimo nel senso più letterale del termine) per recarsi alla Casa del Cioccolato Perugina che è insieme un museo, una fabbrica, un laboratorio del gusto, una vetrina di vendita. Creata nel 2007 in occasione del suo Centenario, la casa che farebbe invidia a Juliette Binoche nei panni di Vianne in Chocolat, è oggi un concentrato di tradizione e buon marketing che attira ogni anno moltissimi visitatori e non solo, come è facile immaginarsi, i più piccoli. Il pubblico adulto si lascia attrarre dalla matrice storica di un dolce che è riuscito a segnare un’epoca con lo stile inconfondibile di un gesto divenuto simbolico: il bacio.

Dietro alla nascita del mito del Bacio Perugina c’è l’estro di una donna, Luisa Spagnoli (intraprendente moglie di uno dei quattro fondatori dell’azienda) e l’intenzione di non “sprecare” nulla degli ingredienti utilizzati in fabbrica. Ed è proprio per utilizzare al meglio la preziosa granella di nocciole che a Luisa viene in mente la formula del nuovo cioccolatino dalla forma irregolare simile alla nocca di una mano (che suggerì il primo nome, “cazzotto”) e dal gusto di gianduia guarnito da una nocciola intera e ricoperto di cioccolato fondente. Era il 1922, data che divenne storica per la Perugina. Le altre due idee vincenti per il futuro cioccolatino degli innamorati, sono frutto di Giovanni Buitoni al quale si deve il cambio del nome in Bacio Perugina e di Federico Seneca il quale aggiunge il famoso cartiglio, le veline con le frasi d’amore che diventeranno uno dei simboli distintivi del Bacio. E lo sono diventati al punto che oggi le frasi dei baci perugina sono “roba da museo”, oggetto di culto e feticcio da collezione (per avere un’idea cliccate qui).

I tradizionalisti rimarranno sempre legati all’originale Bacio, ma conviene sapere che è già presente sul mercato una nuova “invenzione”, i Baci in Rosso, la variante in cui il cioccolato fondente accoglie una ciliegia intera con un cremoso ripieno di liquore. Di sicuro potrete assaggiarlo nella Casa del Cioccolato insieme alle altre 40 tipologie di cioccolatini sfusi presenti in esclusiva per i visitatori nell’area dello shopping. Qualche nome? Banane, Cremini, Gianduiotti, Tre Re, Grifo.

Informazioni:
Casa del Cioccolato Perugina
Via San Sisto, 42 (Perugia)
Informazioni: tel. 075/5276796
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati