Cerca nel sito
  / HOME
Padova bella e buona

Padova, bella e buona

Un tuffo nella nobile bellezza di Padova e dei Colli Euganei. Territorio generoso, culla del buon vino e fonte di ispirazione per molti artisti.

Padova
courtesy of ©Danesin, Archivio APT Padova
Come ogni bella città d’arte italiana, anche Padova ha i suoi must da vedere, soprattutto per chi ha a disposizione una sola giornata di tempo. L'itinerario classico non può che iniziare da Piazza Eremitani, dove si trovano la Cappella degli Scrovegni, con gli affreschi capolavoro di Giotto e i Musei Civici Eremitani, un concentrato d’arte diviso tra la sezione archeologica, la pinacoteca (con opere dal Trecento all' Ottocento, inclusi gli Angeli Armati di Guariento, un crocifisso di Giotto e opere del Bellini) e la sezione numismatica.

Sulla stessa piazza convergono la Chiesa degli Eremitani, che conserva affreschi del Guariento e di Andrea Mantenga, e Palazzo Zuckermann, custode del Museo d'Arte - Arti Applicate e Decorative e della collezione Bottacin. Si puo'proseguire con l’istituzione gastronomica della città, il Caffè Pedrocchi, luogo di incontro, di musica e gusto, sia  estetico che gastronomico, a due passi dall’Università il Bo'.

Altro simbolo cittadino, il Bo’ con il famoso cinquecentesco teatro Anatomico e la cattedra di Galileo Galilei è una delle più antiche università d'Europa. Il goliardico via vai studentesco si riversa di solito sulle piazze circostanti, quella delle Erbe, quella dei Frutti e, infine, quella dei Signori. Da qui in pochi minuti si raggiunge il Duomo,  forte del prezioso Battistero del Duomo, scrigno di bellissimi affreschi di Giusto de' Menabuoi.

Percorrendo via Soncin e via S. Canziano si può dunque tornare a Piazza Antenore, dove c'è il monumento che il poeta rinascimentale Lovato de' Lovati indicò come tomba dell'eroe troiano Antenore, leggendario fondatore di Padova. Non lontano svetta Palazzo Zabarella, antica dimora Carrarese e ora prestigiosa sede di mostre ed eventi. Percorrendo la famosa via del Santo si giunge alla Basilica di S. Antonio, tempio di fede e devozione popolare, meta di milioni di turisti e pellegrini, scrigno di opere d'arte d'ogni tempo (un nome su tutti, Donatello).

La Basilica è circondata da altri insigni monumenti, quali la statua del Gattamelata di Donatello, l'Oratorio di S. Giorgio, capolavoro del Trecento, i Musei Antoniani e la Scuola del Santo, dove si trovano opere di Tiziano. A pochi passi da qui s'incontra l'Orto Botanico, il più antico orto botanico universitario d'Europa (1545), e poco oltre il Prato della Valle, monumentale piazza ellittica su cui si affaccia la Basilica di Santa Giustina, una delle più grandi d'Europa, ma anche il Museo del Precinema.
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati