Cerca nel sito
  / HOME
Ipanema. Addio saudade

Ipanema. Addio saudade.

E' molto più di una spiaggia. Ipanema è un intero quartiere, esploso negli anni Sessanta, che oggi raduna la gioventù di Rio, e non solo. Un concentrato di vitalità, eleganza e modernismo dove non c'è spazio per nessuna saudade.

Rio de Janeiro
Ministério do Turismo
Ipanema è un termine indio che significa acque pericolose. E, in effetti, i suoi inizi furono piuttosto turbolenti. Nel 1894, si sviluppò come insediamento di frontiera, con lunghe piste in terra battuta che correvano parallele alle dune di sabbia, e qualche capanna ai lati della strada. Considerato un avamposto sperduto ai confini della civiltà, il quartiere fu a lungo ignorato, fino a quando la calca di Copacabana divenne insopportabile per i suoi residenti benestanti, che si spostarono in un' altra spiaggia più a sud: appunto quella di Ipanema.

Sono passati i decenni ma le cose non sono cambiate. Copacabana rimane la spiaggia più frequentata, più amata e più apprezzata di Rio. L’hanno recentemente incoronata addirittura la spiaggia più bella del mondo, superando rivali come Cancun in Messico e Waikiki nelle Hawai. Merito del “suo paesaggio mozzafiato, dell'integrazione tra paesaggio urbano e naturale e della bellezza delle persone, in particolare delle donne, che la frequentano”. Ma Ipanema è quella più affascinante, quella più rilassante, quella dove ci si può fermare per qualche ora anche semplicemente a osservare quel che accade intorno. Durante il giorno, la gioventù di Rio frequenta in massa la zona anche perchè Ipanema è l'unica spiaggia dove le ragazze prendono il sole in topless. Al tramonto i marciapiedi sono affollati di coppiette di tutte le età che camminano tenendosi per mano.

Ma naturalmente Ipanema, è molto più di una spiaggia. Ipanema è un intero quartiere esploso negli anni sessanta, quando gli artisti e gli intellettuali di Rio si riunivano nei suoi caffè per filosofizzare sugli argomenti di quel decennio: il movimento hippy, il rock and roll, i Beatles, la droga, i capelli lunghi e l'amore libero. Qui trovò espressione anche l'umorismo, con la pubblicazione mensile di un giornale satirico che annunciò orgogliosamente la fondazione della Repubblica Indipendente di Ipanema. Due dei cittadini più eminenti di questa repubblica erano il poeta Vinicius de Moraes e il compositore Tom Jobim. Un giorno Jobim, rimase incantato da una bellissima studentessa che passò davanti al bar dove egli si fermava abitualmente e, in questa magia, coinvolse anche l’amico Moraes. Ispirati, i due artisti espressero in parole e musica i loro sentimenti e il risultato fu un pezzo musicale divenuto ormai classico, La ragazza di Ipanema. La strada dove camminava Heloisa è ora dedicata a Moraes e il bar si chiama A Garota de Ipanema.

Oggi il quartiere è un centro di eleganza e di raffinatezza. Negozi dai nomi "famosi" costeggiano le sue strade e in modo particolare la via principale, Visconde de Piraja dove si possono acquistare articoli in pelle, scarpe, abbigliamento e oreficeria. Il Brasile è il maggior produttore mondiale di pietre dure, e campioni di tutte le varietà si possono trovare fra Garcia d'Avila e Rua Anibal Mendonca, con ben sette gioiellerie, tra cui il quartier generale di H.Stern, il gioielliere più importante del paese e uno dei maggiori del mondo.
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100