Cerca nel sito
  / HOME
Corea del Sud - Gyeongju a un passo dallÂ’Illuminazione

Gyeongju a un passo dall'Illuminazione

Lasciando la capitale alla volta del sud est coreano, sono altri mondi che appaiono tra risaie e campi da tè, riserve di ginseng e i luoghi sacri del buddismo.

Corea del Sud  I guardiani di Buddha Tongdosa Temple
Courtesy of ©Cecilia Martino
Basta allontanarsi anche di poco dalla capitale, per rendersi conto di cosa sia realmente la Corea del Sud, al di là del fin troppo conclamato contrasto tra tradizione e modernità. Il suo paesaggio, tanto per cominciare. La penisola coreana è sì per la maggior parte montuosa e collinosa, ma sorprende con improvvise e ampie zone immerse nel verde, strisce fittissime di natura lussureggiante che si alternano agli scenografici campi di riso e alle grandi riserve di ginseng. E’ un altro aspetto questo, che non passa inosservato: la maggior parte dei coreani inizia la sua giornata praticando qualche attività all’aria aperta. La cura per l’ambiente naturale (impensabile se si ha in mente soltanto l’immagine del “cannibalismo urbano” di Seoul) passa anche per opere concrete come quelle, numerose, di riforestazione. I circa 500 km che separano Seoul da Busan (o Pusan), il più grande porto della Corea situato all’estremità meridionale della penisola, sono a dir poco intrisi di natura, e costellati di villaggi tradizionali, centri termali scavati in grotte e in templi, insomma, qualcosa di molto diverso da quanto si respira nella metropoli del fashion design e dell’hi-tech.

E’ in questo contesto di riconciliazione con la natura, che mi accingo a visitare uno dei luoghi più famosi della Corea del Sud, Gyeongju e le sue aree storiche dichiarate Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Queste “aree” includono rovine di templi, palazzi, pagode, statue e altre testimonianze della dinastia di Silla, il più importante dei tre regni di Corea, durante il quale venne per la prima volta riunito il paese in un'unica nazione (nel 676 d.C). Proprio Gyeongju, situata nella parte sudorientale della penisola coreana, è stata l’antica capitale del regno di Silla per quasi mille anni (fino al X secolo), spiccando come centro propulsore della cultura e della religione buddista. E si deve proprio al buddismo il grande fiorire delle arti che coinvolse questa città, tanto da lasciare ai posteri veri e propri tesori, come il Tempio di Bulguksa con il suo Seokguram Grotto, uno dei più preziosi esempi di architettura sacra buddista di tutta la Corea.

La grotta in granito di Seokguram non avrebbe nulla di tanto particolare se all’interno non celasse un enorme Buddha seduto su un trono di loto che rivolge lo sguardo in direzione del Mare del Giappone, indifferente allo stuolo di turisti pellegrini che, numerosi, gli sfilano davanti benché separati da una lastra di vetro che garantisce la giusta incolumità al gigante dorato. A fare la fila ci vuole di sicuro più tempo che a passare davanti all’Illuminato con pochi secondi di tempo per non intralciare lo scorrimento dei passanti. Una manciata di secondi è davvero troppo esigua per cogliere l’infinito di corrispondenze e dettagli a cui gli architetti di Silla sottostarono per completare l’opera sacra. In fondo, basta uno sguardo dritto all’espressione gratificata e sublime dell’ospite d’onore della grotta, a rasserenare qualsiasi pretenzioso eccesso di zelo documentaristico. Era un percorso pensato per l’illuminazione, quello che dal tempio di Bulguksa conduceva all’eremo nella grotta, e con un po’ di buon senso si può continuare a recepirlo così, anche se ormai il luogo è diventato uno dei principali approdi turistici della penisola coreana, raggiungibile in circa un'ora di trekking dal complesso principale (per la gioia degli infaticabili camminatori coreani!).

Altra testimonianza della grandezza della dinastia di Silla a Gyeongju è il Tumuli Park, una collezione di tombe reali dall’era della pre-unificazione che coinvolge un’enorme area proprio nel centro della città. La caratteristica di queste tombe, da cui prende nome il parco, è che sono letteralmente interrate all’interno di tumuli di pietra ricoperti d’erba finissima che restituisce la fotografia di tante collinette verdi che un po’ fanno pensare alle geometrie rifinite di un campo da golf! In uno di questi 20 tumuli tombali (quello di Cheonmachong) sono stati rinvenuti, durante gli ultimi scavi risalenti al 1974, preziosi oggetti e manufatti d’epoca che oggi sono ospitati all’interno del Museo Nazionale di Gyeongju dove trova spazio tutto il patrimonio storico, artistico e culturale ereditato dalla dinastia più prestigiosa della storia coreana.

Indirizzi e link utili
Korean National Tourism Organization (KNTO)
40 Cheonggyecheonno, Jung-gu, Seoul 100-180
Tel: 82-2-7299-600
www.visitkorea.or.kr
Korea Tourism Organization (KTO)
www.tour2korea.com
Official Seoul City Tourism Website
www.visitseoul.net
Korean Air
www.koreanair.com
Saperne di più su
Correlati per Paese Corea del Sud
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati