Cerca nel sito
  / HOME
Davos ad alta quota

Davos ad alta quota

I suoi paesaggi hanno ispirato il Thomas Mann de "La montagna incantata". Davos, la città più alta d'Europa, svetta a 1560 metri nel cantone svizzero dei Grigioni. La località termale merita una visita anche per il Museo Kirchner che marca l'avanguardia architettonica della città.

Davos
©Davos Tourismus Byline
Nessuna torre pendente o monumento caratteristico simbolizza Davos, città montana del cantone svizzero Grigioni, nota per essere la più alta d’Europa (1560 metri) con il punto più elevato nei 3146 metri di Flüela-Schwarzhorn. Dal 1930 in poi si scrive la storia di Davos come centro di cura, sport e ricerca via via sempre più famoso, non senza la complicità di personaggi illustri che sono giunti fino a qui, come l’inglese Arthur Conan Doyle, il “padre” di Sherlock Homes, e lo scrittore Thomas Mann che proprio qui trovò l’ispirazione per il suo romanzo “La montagna incantata”.

Oggi la cittadina svizzera è una località termale di tutto rispetto con i suoi 4 istituti di ricerca di fama internazionale in cui operano illustri scienziati  e ricercatori. D’inverno è la patria degli sport invernali, praticabili nei cinque grandi centri sciistici di Parsenn, Pischa, Jakobshorn, Rinerhorn e Madrisa per un totale di 310 chilometri di piste. Durante l’estate Davos si trasforma nel più tipico villaggio di montagna dove rallentare i ritmi e dimenticarsi di traffico e orologi.

Ci sono bel 700 chilometri di sentieri che si diramano a Davos/Klosters, serpentine che costeggiano ruscelli, pascoli alpini e paesini sperduti nel verde, spingendosi fino alle valli limitrofe di Sertig, Dischma e Flüela. Da qui, alzando gli occhi al cielo, non è raro scorgere uomini alati che si cimentano in uno degli sport più diffusi nella zona, il volo libero e il deltaplano.

L’impronta architettonica che è ancora possibile scorgere a Davos e dintorni è quella di “tipo Walzer”, risalente ai primi insediamenti della popolazione Walzer intorno al 1250. Alla tipica casa colonica in legno dell’epoca si sono sovrapposti solai in legno (Spiicher) innalzati su pali o pertiche. L’aspetto odierno della cittadina si deve per lo più all’architetto Rudolf Gabarel, fautore di restauri significativi come quello del municipio, del vecchio palazzetto del ghiaccio, dell’edificio della stazione sulla Davos Platz e del Waldfriedhof.

Ma la stimmate avanguardistica della città porta la firma di una coppia di architetti zurighesi, Annette Gigon e Mike Guyer. Sono loro, infatti, gli artefici dell’edificio in vetro che ospita oggi la maggiore istituzione culturale di Davos, il Museo Kirchner. Un cubo dalla forma robusta, rivestito da differenti vetri trasparenti, opachi e scintillanti è l’involucro che ospita la più grande collezione al mondo di opere del pittore espressionista vissuto a Davos dal 1917 fino alla sua morte (1938).

Per non perdere alcuni degli scorci paesaggistici più emozionanti delle Alpi, conviene sperimentare un viaggio a bordo dei treni della Ferrovia Retica, come ad esempio il famoso “Glacier Express” che parte da Davos o St Moritz  e, attraverso un percorso mozzafiato, conduce nella regione del Vallese e a Zermatt. E’ dal 1930 che il tragitto classico del Glacier Express è rimasto lo stesso: otto ore di spettacolo naturalistico nelle carrozze panoramiche dalle enormi finestre che ti proiettano virtualmente in vetta al massiccio del Bernina fino al Cervino.

Come arrivare: raggiungibile in auto o in treno, da Zurigo in circa 2 ore e mezzo, da Monaco di Baviera e da Milano in circa 4 ore.

Indirizzi utili
Davos Tourismus

Promenada 67
CH-7270 Davos
Tel: + 41 (0) 81 415 21 21
www.davos.ch
Kirchner Museum Davos

Ernst.Ludwing-Kirchner-Platz
Davos Platz
Tel: +41 (0) 81 413 22 02
www.kirchnermuseum.ch
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100