Cerca nel sito
parco d'avello val graveglia escursioni XI notte europea della civetta 

Il Parco dell'Aveto con la Notte Europea della Civetta

Un'interessante escursione serale mostra la Val Graveglia in una veste insolita e suggestiva passeggiando alla scoperta dei bellissimi rapaci notturni

gufi rapaci uccelli civette animali nido parco a veto liguria
©PR AVETO/Parks.it
Due bellissimi gufi nel Parco dell'Aveto
La natura di notte si ammanta di profumi, di suoni e suggestioni tutte particolari che la trasformano rispetto al giorno e la rendono speciale e “misteriosa”. Chi non ha paura di avventurarsi nel buio di una valle che non riposa mai, equipaggiati soltanto di una torcia, può godere dell'opportunità unica di trascorrere una serata piacevole ed originale passeggiando in una delle belle valli del Parco dell'Aveto alla scoperta di un territorio stupendo dalla storia geologica appassionante. Questo bellissimo Parco, che si estende nell'entroterra del Tigullio, in Liguria, vanta, infatti, una sorprendente varietà di paesaggi che rende questa zona dell'Appennino Ligure una delle più belle e suggestive.

FOTO: 100 ANIMALI DA VEDERE PRIMA CHE SCOMPAIANO

3.000 ettari di area protetta racchiudono le vette più significative di questa porzione di Appennino, in particolare il Monte Penna, il più alto, il Monte Aiona, ricco di pascoli e foreste di faggio e i Monti Zatta e Ramaceto, disposti ad anfiteatro, e caratterizzati da un'affascinante alternanza di strati arenacei nudi e folte faggete. Il territori del Parco comprende e tutela essenzialmente tre zone, corrispondenti ad altrettante bellissime valli liguri, la Val d'Aveto, la Valle Sturia e la Val Graveglia, ognuna con la sua personalità e le sue caratteristiche; ognuna popolata di piante endemiche, specie vegetali affascinanti, e magnifici animali, tra i quali si distinguono il lupo, che sta lentamente ricolonizzando l'Appennino, il capriolo, il cinghiale, la volpe, lo scoiattolo, il tasso, la puzzola e la lepre, oltre a magnifici rapaci, tra cui l'Aquila Reale, particolari anfibi, come l'endemico geotritone, e interessanti insetti e farfalle.

La Val d'Aveto, racchiusa tra le montagne più alte del Parco, è una delle mete di villeggiatura predilette dell'area interna del Tigullio. I suoi paesaggi d'alta montagna la rendono particolarmente apprezzata dagli sciatori, mentre in autunno viene frequentata da numerosi cercatori di funghi. La Valle Sturia, invece, rappresenta un po' l'essenza dei paesaggi liguri, caratterizzati dall'affascinante contrasto tra montagna e mare. Dal crinale ad oltre mille metri di quota, precipita verso il mare del Tigullio, in un suggestivo susseguirsi di pascoli, castagneti, noccioleti, orti e uliveti fino a tuffarsi nel Torrente Lavagna. La Val Graveglia, infine, è “l'anima geologica” del Parco. La copiosa attività del sottosuolo ha generato, con il trascorrere dei secoli, peculiari formazioni rocciose caratterizzate dalla presenza di minerali utilii e rari che hanno spinto l'uomo, nel corso della storia, a creare cave e miniere, oggi in corso di riqualificazione. Non è un caso, dunque, che questa zona del Parco sia la preferita di geologi e appassionati di minerali, per i quali rappresenta un vero e proprio museo geo-minerario a cielo aperto.

Ed è proprio la Val Graveglia la protagonista di questa notte speciale tra le bellezze della natura. Non sono, infatti, soltanto le rocce a rendere così particolare questa valle, ma anche i bellissimi rapaci. Per questo motivo la valle ha deciso di celebrare la XI Notte Europea della Civetta con un'iniziativa davvero interessante che il prossimo 21 marzo coinvolgerà i partecipanti in una divertente serata all'aria aperta alla ricerca dei rapaci notturni. In compagnia di un'esperta ornitologa, gli escursionisti, muniti soltanto di torcia, passeggeranno tra le bellezze della valle alla scoperta di questi splendidi animali, circondati soltanto dagli odori e dai rumori della natura al chiaro di luna. La serata prende il via a Statale, comune di Ne, dove i partecipanti si riuniscono alle 19.00 per assistere alla proiezione di un video e consumare una gustosa cena a base di prodotti tipici presso il ristorante Paganini. Poi tutti in marcia alla scoperta dei magnifici uccelli della notte per rientrare, stanchi ma soddisfatti, alle 23.30.

Leggi anche:
Liguria: farina di castagne del Beigua
Trekking in rosa al Parco del Beigua
Un Gran Paradiso per sole donne


*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook

Saperne di più su NATURA
Correlati per distretto Golfo del Tigullio
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100