Cerca nel sito
Varsavia
Varsavia
Vedere all'aperto:
Il colore che descrive meglio la città è il verde. Quasi un quarto del territorio della città è occupato da zone verdi: parchi, piccole aree verdi e giardini. Oltre ai parchi storici che una volta appartenevano ai re e ai magnati, come il Giardino Saski, il Parco Lazienki e il Parco di Wilanow, è possibile ammirare esempi moderni come il Giardino sul Tetto della Biblioteca dell'Università. Di grande interesse il Giardino Sassone (Ogród Saski), il primo parco pubblico aperto ai cittadini. A Varsavia si trovano più di dieci Riserve Naturali ed è una delle poche città che può vantare foreste situate al confine del centro abitato: si tratta del Parco Nazionale Kampinoski, iscritto nellalista dell'UNESCO come Riserva Mondiale della Biosfera. Da ricordare anche la Piazza del Mercato (Rynek Starego Miasta). La Piazza della Costituzione con i suoi candelabri caratteristici e i monumenti degli operai, è diventata la più frequentata della città, con peculiarità totalmente diverse da quelle originali. Persino il Mausoleo dei Militari Sovietici non svolge più lo stesso ruolo, ma è divenuto un luogo di passeggio per gli abitanti di Varsavia.
Musei:
Galeria Zachta, il Centrum Sztuki Wspóczesnej (Centro di Arte Contemporanea), il Muzeum Wojska Polskiego (Museo dell'Esercito Polacco) e il Muzeum Narodowe (Museo Nazionale). Da vedere anche la casa natale di Fryderyk Chopin abbinata alla Chiesa di Santa Croce dove si trova il cuore del compositore e il Museo biografico al Parco Lazienki ai piedi del quale ogni domenica da maggio a settembre si tengono concerti con le comopsizioni musicali dell'artista. Tutti questi luoghi sono muniti di panchine multimediali dove è possibile ascoltare la musica di Chopin. La casa natale di Maria Sklodowka-Curie ospita il Museo della sua biografia, e la scarpata della Vistola tra luoghi preferiti dalla chimica. Per visitare i luoghi della memoria di quella che era la quarta città al mondo con maggiore presenza di ebrei prima della Seconda Guerra Mondiale, non possiamo dimenticare i luoghi come Umschlagplatz, il Monumento agli Eroi del Ghetto o una parte rimanente delle mura del ghetto in via Sienna.
Monumenti:
La Colonna di Sigismondo (Kolumna Zygmunta) uno dei maggiori simboli della città. Il Monumento al Milite Ignoto (Pomnik Nieznanego onierza).
Quartieri:
Il quartiere Praga, situato sulla riva destra della Vistola, per secoli costituì una città indipendente. Soltanto alla fine del XVIII secolo fu annesso alla capitale. Qui anticamente venivano incoronati i re polacchi.Il quartiere Praga è sopravvissuto alla guerra e oggi rappresenta una parte della città molto affascinante ricca di atelier di artisti, gallerie e diversi teatri. Qui si trovano club alla moda ed edificidall'architettura postindustriale trasformati in circoli culturali, cinema, gallerie d'arte e pub.Il quartiere che ha meglio conservato l'aspetto originario prima della Seconda Guerra Mondiale: antiche strade, vecchie lanterne e il Mercato Rozycki. Per i più piccoli lo Zoo.Il quartiere organizza due eventi interessanti: Notte di Praga che dimostra la bellezza di Praga artistica e Incontri con la Cultura di Praga KULmixTURA, che vogliono evidenziare l'importanza della multicultura. La Città Vecchia (Stare Miasto), che corrisponde all'incirca alla "Vecchia Varsavia", il primo nucleo urbano della città. La città vecchia di Varsavia rappresenta non solo il centro storico e la parte più antica della città (risale al XIII secolo), ma è anche il centro culturale della capitale. Le due piazza, la Piazza del Mercato della città vecchia e la Piazza del Mercato della città nuova diventano d'estateluoghi di event, tra questi, concerti jazz e spettacoli teatrali. Mentre nei romantici vicoli del centro storico risuona musica, i numerosi ristoranti e i caffè, situati nei vecchi palazzi borghesi, sono gremiti di gente e pieni di vita fino all'alba. Sempre in questa parte della capitale si trovano le più antiche chiese di Varsavia, come la Cattedrale di San Giovanni, del XVI secolo, la Chiesa di San Martino e la Chiesa della Madre di Dio.La Città Vecchia, rasa al suolo durante la Seconda Guerra Mondiale, è stata fedelmente ricostruita e iscritta nella lista UNESCO come Patrimonio dell'Umanità.
Palazzi:
Il Palazzo della Cultura e della Scienza, l'edificio più caratterizzante e più importante della città. Costruito nel 1955 rimane ancora oggi la costruzione più alta del paese ed è un punto di riferimento per i turisti. Il gruppo di edifici MDM (il quartiere Marszlkowska) che fa partedi un unico grande complesso urbanisticonello stile del realismo socialista, tra i più grandi al mondo. Il Barbacane, che introduce alla Città Nuova (Nowe Miasto). Il Palazzo di Wilanów (Paac w Wilanowie) e Palazzo sull'acqua (Paac na Wodzie).
Articoli correlati:


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati