Cerca nel sito
Maiella
Thinkstock
Parco della Maiella
La grande quantità di argilla presente in loco, l’abbondanza delle acque e la ricca vegetazione  boschiva, favoriscono la produzione della ceramica, esistente soprattutto nel paese di Rapino, della provincia di Chieti. Qui operò Fedele Cappelletti, grande rappresentante della ceramica dello Storicismo, vissuto nei secoli precedenti e precisamente dal 1847 al 1920. Ai nostri giorni la ceramica si rifà alla tradizione e ne ripropone i tanti motivi decorativi. Ecco le rappresentazioni con il fioraccio o le roselline, il galletto o la decorazione a paese, a quartieri ed anche quella ad uccelletti. Rinomate sono le stoffe prodotte dalla tessitura. Certo, in tempi remoti la tessitura era praticata dalle contadine, durante le serate invernali, nel rispetto delle tecniche che venivano tramandate da madre a figlia. Al telaio si preparava il corredo, o, comunque quanto poteva necessitare per la famiglia. Oggi la tessitura assume un aspetto diverso, viene, infatti, praticata nei lanifici di Fara San Martino, Taranta Peligna, Sulmona dove vengono confezionate le famose coperte abruzzesi. Non possono essere trascurati i famosi merletti ed in particolare quelli a tombolo, prodotti in queste zone già da tempi remoti e attualmente presenti soprattutto a Pescocostanzo, in provincia di L’Aquila.
Articoli correlati:


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100