Cerca nel sito
Piazza di Pamplona, centro storico
Pamplona
Quello che rende famosa Pamplona in tutto il mondo è l'encierro, la nota corsa dei tori che vengono liberati: la mandria sfrenata attraversa le vie cittadine in un turbinio di emozioni, allegria ma anche un po' di timore e molto caos. Sicuramente è la festa più pazza, più colorata e coinvolgente della Spagna: una movida in puro stile matador, che puntuale si rinnova ogni anno a Luglio. La festa è quella di San Firmino, (i Sanfermines) patrono della diocesi, caratterizzata dalla presenza del pubblico vestito da abiti bianchi e foulard rossi, a far da contorno alla corsa dei tori sulle tracce dei luoghi celebri citati da Hemingway nel suo capolavoro Fiesta. Si incomincia con il lancio del razzo dal balcone del consiglio e poi via al grande evento in strada. L'encierro si snoda per circa 800 metri attraverso la città, lungo le vie Santo Domingo, Mercaderes, Estafeta, sino alla Plaza de Toros, da noi conosciuta come arena, e si svolge tute le mattine alle 8 in punto. Gli altri appuntamenti fondamentali della festa sono la sfilata dei Giantes y Cabezodos, molto folcloristica, la corrida e i fuochi d'artificio nel parco, che tutte le sere alle undici vedono alternarsi gruppi diversi, dando vita a spettacoli diversi.
Articoli correlati:


Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100