Cerca nel sito
Gargano mare
Thinkstock
Gargano
Le prime tracce del passaggio dell'uomo sulle terre del Gargano risalgono all'età paleolitica, della quale sono giunte sino ai giorni nostri pitture rupestri, utensili in pietra e primordiali sepolture. Agli albori della storia i primi abitanti del promontorio si dedicarono, prevalentemente, ad attività elementari come la caccia e la pesca; soltanto più tardi cominciarono ad intraprendere la pratica della pastorizia e dell'allevamento prediligendo uno stile di vita sedentario al nomadismo che aveva caratterizzato le popolazioni locali sin a quel periodo. Le prime forme di insediamento si svilupparono all'interno delle numerose grotte, che ne portano ancora oggi i segni. Nell'antichità il Gargano conobbe uno dei periodi di maggiore evoluzione a cavallo tra il IX e l'VIII secolo a.C., quando i coloni provenienti dall'altra sponda del Mare Adriatico diedero vita al gruppo etnico dei Dauni. Con il trascorrere degli anni il promontorio divenne un importante centro spirituale, tanto che sul monte Dodoneo, oggi chiamato Monte Sacro, venne persino costruito un tempio dedicato a Zeus. Tra il VI e il III secolo a.C. i Romani occuparono il territorio e stabilirono a Vieste e Siponto i principali porti dedicati agli scambi commerciali con la Greci. Dopo la caduta dell'Impero Romano, la malaria debellò la popolazione e le continue incursioni di Bizantini e Saraceni spinsero gli abitanti ad abbandonare la zona costiera e stabilirsi nell'entroterra decretando anche un brusco arretramento dell'attività agricola. Tra il VI e il XII secolo, però, il culto dell'Arcangelo Michele culminato con la costruzione del santuario a Monte Sant'Angelo, rese la zona un'importante meta di pellegrinaggio e luogo di passaggio di genti e culture. La storia del promontorio è caratterizzata da un continuo susseguirsi di occupazioni da parte di popolazioni Longobarde, Normanne, Angioine e Aragonesi. Nel XV secolo il suo territorio venne spartito tra i differenti feudatari per poi cadere sotto il controllo di Spagnoli e Borboni. Questo lungo periodo di dominazioni ebbe termine soltanto con l'unità d'Italia. Oggi, grazie ad un forte sviluppo turistico che  caratterizza sia la costa che le località interne, il Gargano si è trasformato in una realtà economica tra le più importanti della Puglia.
Articoli correlati:


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati