Cerca nel sito
Scheda Estonia
Courtesy of © Whc.unesco.org
Estonia
La cucina estone è piuttosto umile, basata su pochi elementi basilari che la caratterizzano fortemente. Anzitutto è senza dubbio un esempio di cucina nordica: si consumano in abbondanza pane scuro (leib), maiale e pesce. Poi, soprattutto nel periodo invernale si preparano minestre di carne e verdure, ma in genere si fa grande utilizzo di patate, ortaggi e molti derivati del latte. Come molte cucine europee, anche quella estone ha una certa varietà di menù in base al cambiamento delle stagioni. I piatti tipici che possiamo gustare nei ristoranti tradizionali forse non sono per tutti i palati, ma di certo non mancano di sapore: troviamo il Mulgikapsad (maiale con crauti e patate bollite), il Verivorst (salsicce di sangue e orzo avvolte in budella di maiale), il Sült (maiale bollito in gelatina), il Keel Hernestega (lingua). Per quanto concerne le specialità di pesce invece potrete sperimentare lo Silgusoust (pesce del Baltico in salsa acida), il Marineeritud angerjas (anguilla marinata), e il suitsukala (pesce affumicato). Pirukas sono tortini al forno con ripieno di carne, carote e cavolo, davvero ottimi. Nella sezione dolciaria vi segnaliamo infine il kissel, il curd (dolce a base di cagliata a cui vengono dati gusti a scelta), il dolce al rabarbaro e il kama (fatto con cereali misti tostati con latte fermentato e zucchero). La bevanda nazionale è indiscutibilmente la birra, con una spiccata predilezione per le fermentazioni più robuste e scure. Da assaggiare ci sono anche il Kali (una birra non fermentata) e il Vana Tallinn, un liquore di erbe locale che ha un'alta gradazione alcolica.
Articoli correlati:


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100