Cerca nel sito
EDIRNE
Quella che un tempo era conosciuta come la vecchia Adrianopoli si trova nella Tracia meridionale, a ridosso del confine con la Grecia. E' una parte dell'immenso patrimonio turco di cui non si sente molto spesso parlare perché fuori dai comuni circuiti turistici, ma che non manca di fascino e suggestioni. Fondata nel 125 d. C. da Adriano, fu teatro di molte battaglie, depredazioni e saccheggi ad opera di diverse popolazioni tra cui bulgari e crociati: questo perché si trova in una posizione di transito ambita e contesa. Ebbe secoli di tranquillità e benessere grazie agli Ottomani che la conquistarono nel 1360 e la abbellirono con grandi opere pubbliche. Il museo all'aperto di Edirne ospita due tra i monumenti più belli dell'architettura ottomana: la Moschea di Selim e il caravanserraglio di Rustem Pasa. La prima, grande complesso costruito nella seconda metà del Cinquecento, è il simbolo della città, una delle più grandi strutture al mondo: le soluzioni architettoniche si fondono di luce ed armonia, con i quattro minareti ciascuno con tre balconi, archi in pietra di colore bianco e rosso alternati, l'interno decorato in marmo, legno e maiolica smaltata. Ha una cupola che supera per dimensioni anche quella di Santa Sofia ad Istanbul e si nota da una grande distanza. Il caravanserraglio, commissionato da Rustem Pasa, gran visir di Solimano il Magnifico, era un luogo di sosta apprezzato dai viaggiatori che qui trovavano le meritate comodità: camere, camini, cortili con porticati, bagni, sale comuni, stalle e magazzini, tutto in un vasto edificio a due piani. Entrambi i monumenti sono esempi unici di colui che è considerato il Michelangelo turco, il famoso artista dell'epoca Mimar Sinan. La più antica costruzione ottomana rimane però Eski Cami, iniziata nel 1403: ha una struttura formata da nove cupole sorrette da quattro pilastri centrali, con la sala di preghiera a pianta quadrata e un portico a cinque arcate. Oggi quello che rende Edirne famosa è il Campionato Nazionale di Lotta Turca che si tiene all'inizio dell'estate. Ma vale la pena andare alla scoperta dei negozi, dei locali, dei giardini ordinati e del bazar coperto, gustando dell'ottimo tè nei tradizionali bicchierini e assaporando il dolce alle nocciole profumato di muschio. Magari passeggiano per la Città Vecchia, con il quartiere medievale di Kaleici che si snoda in un reticolo di strade lungo le quali si affacciano abitazioni tipiche, alcune ancora in legno. E'un altro volto della Turchia, lontano dalla frenesia e dall'atmosfera caotica che regna ad Istanbul o dall'esotismo delle regioni orientali.


Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati