Cerca nel sito
Dolomiti Passo del Pordoi
Thinkstock
Dolomiti
La storia delle Dolomiti comincia oltre 250 milioni di anni fa, quando sul fondale di mari molto caldi e poco profondi cominciarono ad accumularsi centinaia di metri di materiali marini organici come coralli, alghe e conchiglie che, sotto il loro stesso peso, si sedimentarono perdendo il liquido e compattandosi in roccia. Con lo scontro della placca europea e di quella africana, le rocce emersero dal mare elevandosi sino ad oltre 3.000 metri di altezza. Ancora oggi l'innalzamento delle Dolomiti è in corso e non si fermerà fino a che le placche continueranno a scontrarsi generando un fenomeno simile a quello della catena himalayana. Quando l'attrito cesserà, le sagome delle montagne, plasmate dagli agenti esogeni, si addolciranno addolcendo il paesaggio come è avvenuto per la catena degli Urali. Con il succedersi dei secoli nella zona sono sorti numerosi insediamenti che portato sino ai giorni nostri le vestigia di un tempo lontano. La Grande Guerra ha profondamente segnato la storia di questi territori, così come la tragedia del Vajont; Trento, invece, è da tutti ricordata per essere stata la sede del Concilio. Sono numerose, in ogni caso, le località ricche di storia e cultura dove perdersi tra atmosfere medievali fatte di borghi pittoreschi e maestosi castelli. Non è un caso che personaggi illustri quali Dante, Goethe, il filosofo Michel de Montaigne e Mozart siano rimasti affascinati da luoghi come Rovereto ad esempio, dove, nel corso della storia, hanno soggiornato persino Napoleone e papa Pio VI. Queste montagne, inoltre, hanno dato, ai giorni nostri, i natali a numerosi sportivi che hanno regalato preziose soddisfazioni al nostro Paese.
Articoli correlati:


Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100