Cerca nel sito
Marmolada Dolomiti Bellunesi
Thinkstock
Dolomiti Bellunesi
Considerate una zona dal clima “di passaggio”, le Dolomiti Bellunesi risentono sia delle correnti fredde che spirano dalla regione danubiana, sia dell'aria più mite e umida che proviene dal Mediterraneo. Ad inverni molto secchi e freddi, caratterizzati da temperature molto basse che possono raggiungere anche i -20°, si contrappongono estati miti e molto piovose. Luglio è, infatti, il mese con la maggiore concentrazione di precipitazioni ma i frequenti e brevi temporali estivi, che si verificano spesso nelle ore del tardo pomeriggio, regalano paesaggi rigogliosi e verdeggianti anche durante la stagione più calda. Durante l'inverno le nevi cadono in quantità moderata ma sempre sufficiente a garantire la possibilità di praticare gli sport invernali. I ghiacci sono, invece, assai più rari e ridotti a causa delle altitudini delle vette che difficilmente superano i 3.000 metri. Diverso il caso della Marmolada, la cima più alta del gruppo, sulla quale si estende un ghiacciaio dell'estensione di un paio di chilometri quadrati che, nonostante si stia riducendo, continua a ricoprire una discreta zona del versante nord.
Articoli correlati:


Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati