Cerca nel sito
Scheda Bielorussia
Courtesy of © Whc.unesco.org
Bielorussia
Ambasciata Italiana:
Ambasciata d'Italia a Minsk Ulitza Rakovskaya, 16b 220004 Minsk Tel. +375 17 220 29 69
Ambasciata in Italia:
L'Ambasciata della Repubblica di Belarus nella Repubblica Italiana Via delle Alpi Apuane, 16 00141 Roma - Italia l. +39 (06) 8208141
Consolato Italiano:
Cancelleria Consolare presso l'Ambasciata d'Italia a Minsk: Indirizzo: Ulitza Rakovskaya, 16b 220004 Minsk Tel. +375 17 306 23 45
Costo vita:
Il costo della vita è molto basso e l'industria turistica non particolarmente sviluppata. Per questo, anche volendo scegliere una vacanza più agiata non c'è il rischio di andare incontro a spese eccessive.
Documenti:
L'accesso al Paese è consentito unicamente dietro invito di locali (persona o Ente) o con viaggi organizzati da agenzie. Il passaporto è necessario, così come il visto d'ingresso al paese, rilasciato dall'Ambasciata del Belarus presente in Roma. Il visto è sempre necessario per accedere in territorio bielorusso, qualunque sia il mezzo utilizzato o il punto di frontiera del Paese. Al momento dell'ingresso in Belarus è richiesta la compilazione e la presentazione della "Carta Migratoria". La registrazione del soggiorno degli stranieri presso l'OVIR (Ufficio Visti e Permessi) è obbligatoria per gli stranieri che si trattengono in Belarus più di 48 ore. La registrazione in questione deve essere fatta nei primi tre giorni di permanenza. Per gli stranieri che risiedono in albergo, l'amministrazione dell'hotel si incarica degli adempimenti di registrazione dei propri ospiti stranieri.
Sanità:
È obbligatorio, per la legge locale, munirsi di un'assicurazione personale comprendente la copertura per infortuni e cure mediche. Tale assicurazione deve essere obbligatoriamente stipulata con Compagnie Assicurative autorizzate dal Governo bielorusso (di fatto sono solo Compagnie assicurative locali). È possibile la stipula di tali assicurazioni quando si attraversa la frontiera bielorussa. Le assicurazioni stipulate con altre compagnie (comprese quelle emesse in Italia) non sono riconosciute valide sul territorio bielorusso. Il livello generale delle strutture ospedaliere bielorusse è sufficiente, ma non all'avanguardia, quindi è consigliabile in casi di grave malessere, ricorrere ad un rimpatrio di emergenza e farsi curare in patria. Periodicamente si registra la carenza di farmaci di uso comune (antibiotici, antipiretici, cortisonici, ecc.). In caso di necessità il numero unico nazionale per la chiamata del soccorso sanitario è 103. Per quanto riguarda le radiazioni mutuate dal disastro di Chernobyl, i consigli da seguire sono quelli che seguono il comune buonsenso: stare lontani dalle zone interdette ed evitare di mangiare, qualora possibile, cibi provenienti dalle zone contaminate, lasciando perdere in particolar modo il consumo di funghi.
Sicurezza:
Si registra una certa incidenza di microcriminalità nel paese, di conseguenza si consiglia di non lasciare mai le proprie cose incustodite ed evitare di esporsi a rischi inutili. Per quanto riguarda la cosiddetta "Zona di Esclusione" ossia quella a rischio radioattivo, include le province di Braghin e Khojniki, nel sud del Paese. Le mappe specializzate ne tengono conto. Per la vostra sicurezza, non avvicinatevi ai limiti dell'area.
Articoli correlati:


Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati