Cerca nel sito
Argirocastro
Nel profondo sud dell'Albania, a ridosso del confine con l'antica terra dei Greci, sorge una città dove le case si stringono attorno ad un maestoso castello che richiama l'epoca delle grandi guerre. E'Argirocastro, che si presenta come un mare di tetti di ardesia tra i quali si insinua un complesso intrico di viuzze lastricate, spesso interrotte da lunghe gradinate, e le case-torri d'aspetto orientale addossate alle colline. Qui sono nati due personaggi celebri che hanno reso famosa la loro terra: Enver Hoxha, che guidò il paese in nome di una maniacale ortodossia comunista, e il più importante scrittore albanese, Ismail Kadare, che qui ha ambientato il suo più noto romanzo intitolato La Città di Pietra. In questo romanzo lo scrittore parla di Argirocastro come un miraggio dell'architettura, giacchè "chi inciampa sulle pietre della strada rotola su un tetto di una casa". Il modello architettonico infatti è molto particolare, con le antiche case fortificate a tre piani che non hanno balconi, ma sono fregiate di tante finestre finemente lavorate. Le incisioni ornano anche le porte delle abitazioni, le facciate dei negozi, i soffitti delle case e i camini. Si respirano suggestioni profonde ad ogni angolo: sono più di cinquanta gli edifici proclamati monumenti di cultura, piccoli musei in una città museo, dove tutto è di pietra e le case, le strade, i vicoli, i marciapiedi, i ponti in stile veneziano e le tante scalinate si arrampicano verso il meraviglioso castello. Una fortezza che in tutta la sua imponenza si eleva sulla roccia e domina l'intera città. Anche gli accessi sono monumentali, soprattutto quello che si affaccia sul quartiere di Dunavat, detto la Porta del Visir. L'interno è tutto un susseguirsi di arcate, gallerie, passaggi sotterranei e fondachi, ma dalla fine della Anni Sessanta lo scenario di pietra ospita ballerini e cantanti che animano il Festival Nazionale del Folklore. La gente locale ricorda una leggenda mai dimenticata legata alla figura della principessa Argiro, che mori gettandosi da una torre del castello per evitare di cadere nelle mani dell'invasore. Presumibilmente il nome della città deriva dal mito della principessa. Dal castello si gode il panorama più bello della città, con i resti delle mura antiche difese dai sette torrioni, coperti da volte in pietra e forniti di feritoie per i cannoni. La piazza principale del centro storico è intitolata all'eroe che nel 1908 guidò una rivolta antiottomana, Cerciz Topulli. Da qui partono antiche vie lastricate in pietra che hanno meritano nel 1961 al centro storico di Argirocastro la salvaguardia come riserva storico-architettonica. Le strade convergono nell'incrocio detto Collo del Bazar, il sito più pittoresco che ospita i tradizionali mercati. Nel quartiere Partizani si erge la Moschea Xhamia e Teqes, la principale della città. Ma a fare di Argirocastro una città museo sono l'architettura, l'articolazione degli spazi interni e la decorazione delle case, con i molti edifici famosi che vale la pena visitare.


Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati