Cerca nel sito
Selinunte
Una perla della Sicilia dove il mare e l'arte vanno a braccetto. A Selinunte si trova il parco archeologico più grande d'Europa e uno dei litorali sabbiosi più belli d'Italia. Di straordinario questa antica città greca ha innanzi tutto la posizione, a circa 30 metri sul livello del mare; il fatto che le acque azzurre del Mediterraneo lambiscano uno dei litorali più incontaminati della provincia proprio a ridosso del suddetto parco archeologico, aggiunge bello al bello. Così accade che, camminando attraverso le rovine dei templi tra colonne imponenti svettanti lungo sentieri in una zona semi-desertica, ci si trova con la spianata del mare a un passo, vicino alle più belle spiagge di Marinella di Selinunte, frazione del Comune di Castelvetrano. Il litorale sabbioso si trova esattamente tra la foce del fiume Selino e il porticciolo ad est di Marinella. Alle spalle sorge appunto l'imponente complesso archeologico di Selinunte composto dall'Acropoli, dalla Collina orientale, dal pianoro di Contrada Manuzza, dal santuario della Malophoros in contrada Gaggera e da due Necropoli (Manicalunga e Galera Bagliazzo). Tradizioni marinare, vita da spiaggia, tempi lenti e cucina mediterranea sono le caratteristiche di questo piccolo lembo di Sicilia dove tutti i giorni, in piazza Empedocle alle otto di sera, si svolge l'asta del pesce. Una piccola realtà di provincia, quella di Selinunte, letteralmente invasa dalla natura. Ad aggiungere prestigio ambientalistico alla zona è anche la Riserva Naturale Foce del fiume Belice, dove la sabbia plasma dune a mò di deserto e dove proliferano indisturbati i fenicotteri.
Articoli correlati:
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100