Cerca nel sito
Il porto di Sanremo
©Shutterstock
Sanremo
Semplice, lineare, economica ma mai povera: a Sanremo vige la dieta mediterranea, contraddistinta da alimenti sani e leggeri, come pasta fatta in casa, legumi, carne, pesce, frutta e verdura. Il tutto condito da ottimo olio d’oliva extravergine, dalla profumazione delicata e dalla bassa acidità. E, volendo, arricchiti ulteriormente da erbe aromatiche, spesso spontanee, e da tanta fantasia. Si mantiene intatta anche l'abitudine di conservare in appositi contenitori, generalmente sotto sale, olive, pomodori, capperi, peperoncini, melanzane e acciughe, in modo da renderli disponibili per veloci antipasti o ricche merende.

Ma, ovviamente, il piatto forte della cucina sanremese, come da tradizione ligure, è il tradizionale pesto, a base di basilico, pinoli, formaggio e olio di oliva, ottima base per primi d’eccezione come trofie, un particolare tipo di pasta corta fresca, e ravioli. Per i secondi, tra i piatti da assaggiare (e tra le ricette da imparare) c’è la Torta Verde, ovviamente salata, con riso e verdure, il Coniglio alla sanremese, servito con un  un sugo arricchito di olive, noci e aromi, e la Sardenaira, focaccia a base di pomodoro, sardine, olive Taggiasche e olio.

Buoni anche il Cundiùn, insalata di pomodoro affettato, con origano, basilico, aglio e olive salate, il Brandacujùn, a base di patate e stoccafisso, e le frittelle di gianchéti. Da accompagnare, possibilmente, a qualche vinello bianco di Poggio o di Bussana.
Articoli correlati:
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati