Cerca nel sito
Porto Venere
Comune di La Spezia, Porto Venere è un gioiello del mare ligure. Questo piccolo comune spezzino è stato infatti dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1997 insieme alle Cinque Terre e alle isole Palmaria, Tino e Tinetto. Le origini del borgo di Porto Venere, o Portovenere scritto attaccato come usato da molti turisti, vengono fatte risalire all'epoca romana. Etimologicamente il nome Portus Veneris sembrerebbe derivare da un tempio dedicato alla Dea Venere. Il borgo risale nelle sue forme attual al 1113, quando i Signori di Vezzano lo cedettero alla Repubblica marinara di Genova che ne fece il proprio baluardo nel Tirreno fino al dominio francese del 1396. Con il perfezionarsi delle armi da fuoco iniziò il declino della funzione militare di Porto Venere, che comunque rimase un importante porto commerciale. Con l'arrivo di Napoleone cominciò un altro periodo di soprusi in cui vennero deturpati i più importanti monumenti. Alla fine del XIX secolo tuttavia ebbero inizio i lavori di restauro che consentirono la conservazione di un complesso paesaggistico di straordinario valore. A Porto Venere, dopo aver percorso Via Capellini, il carruggio principale, si giunge in Piazza Spallanzani dove, su uno sperone di roccia, svetta la Chiesa di San Pietro costituita dai Genovesi tra il 1256 e il 1277. Salendo verso il centro dell'abitato è possibile ammirare la Chiesa di San Lorenzo, cattedrale ufficiale della colonia genovese consacrata nel 1130 da Papa Innocanzo II. Il borgo si offre ai visitatori con un ineguagliabile panorama costituito da scorci pittoreschi e dalle caratteristiche case-torri.Sopra la palazzata a mare si innalza maestoso il Castello Doria, mirabile modello d'architettura militare genovese. Nel borgo delle Grazie, frazione appartenente al comune di Porto Venere, si trova il Convento degli Olivetani, del XV secolo, il cui refettorio è arricchito da dipinti murali di Nicolò Corso. Poco distante immersa tra gli ulivi si trova la Villa Romana del Varignano (II secolo a.C. - IV secolo d.C.) visitabile su prenotazione. Il piccolo Borgo di Fezzano anch'esso compreso all'interno del territorio comunale, si sviluppa attorno alla Chiesa di San Giovanni del XVIII secolo ed è costituito da antiche case tra cui si snodano i carruggi. All'interno della Chiesa si possono ammirare il famoso organo genovese di Luigi Ciurlo, le cinque grandi tele del pittore locale Giuseppe Tori ed una statua lignea d'Anton Maria Maragliano.
Articoli correlati:
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100