Cerca nel sito
Statua di San Bernardo
Wikimedia Commons
Piccolo San Bernardo
Il Passo del Piccolo San Bernardo collega a 2188 metri la Valle d'Aosta alla Francia, ovvero il vallone di La Thuile con la Haute-Tarantaise, e prende il nome dal Santo (San Bernardo di Mentone) che aprì la strada verso il valico del Gran San Bernardo. Il colle costituisce il punto di partenza per la salita alla vetta del Lancebranlette che offre un punto di vista originale della vetta del Monte Bianco, ed è infatti meta anche di molti turisti francesi. La parte della Savoia comprende il comune francese di Seez, nella regione del Rodano-Alpi. In territorio italiano si trova il lago Verney, uno dei più grandi laghi naturali della Valle d'Aosta, che raggiunge una profondità di 40 metri ed ospita una tale quantità di pesci che è meta molto amata e frequentata dai pescatori. Particolare è il dialetto parlato, chiamato Patois, ritenuto da molti una lingua a tutti gli effetti: si tratta di una parlata francoprovenzale che compone il gruppo linguistico galloromanzo, e può essere considerato come un protofrancese, ossia un francese in una fase molto primitiva. In Valle d’Aosta si possono individuare due grandi aree linguistiche, anche se il detto popolare afferma che ci sono tanti patois quanti sono i campanili: la prima area è proprio quella che ha risentito maggiormente dell’influenza dei patois savoiardi o vallesani attraverso i colli del Piccolo e del Grande San Bernardo.
Articoli correlati:
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100