Cerca nel sito
Ancona Palazzo degli Anziani
Thinkstock
ANCONA
Ancona ha un'antica tradizione gastronomica. I piatti tipici ovviamente derivano dalla varietà ittica del pescato locale, oltre che ai prodotti dell'entroterra marchigiano. Uno dei primi piatti da citare è senz'altro lo stoccafisso all'anconitana, celebrato da manifestazioni ricorrenti nell'anno. Caratterizzato da un delizioso profumo, da una lunghissima cottura, dalla presenza di patate in pezzi grossi e da una grande abbondanza di vino ed olio di frantoio, è l'emblema gastronomico locale. Anche le cozze e i frutti di mare hanno una grande importanza sulla tavola anconitana. Recentemente le "mosciole di Portonovo" (ovvero le cozze) sono state riconosciute come "prodotto di origine protetta". Durante l'estate uno spettacolo tipico della costa alta anconitana è costituito dal gran numero di persone che pescano i mitili in apnea, li puliscono sulla riva con attrezzi fabbricati artigianalmente, li cucinano in vario modo gustandoli poi direttamente in loco. Gli antipasti contano le le crocette in porchetta (conchiglie dette in Italiano "piede di pellicano"), i bombetti in porchetta ("in porchetta" significa con aglio, pomodoro e finocchietto selvatico) e i tartufi di mare (nome locale delle uova di mare). Come primi piatti sono da ricordare i vincisgrassi, una sorta di lasagne particolarmente ricche di ingredienti, preparate in occasioni festive. Poi troverete sempre nei menù gli spaghetti alla pescatora (con il pomodoro) e alla marinara (in bianco). Tra le paste asciutte sono da ricordare anche i ciavattoni allo scoglio (dei grandi maccheroni di produzione locale conditi con frutti di mare e crostacei). Tra i secondi tipici troviamo il brodetto all'anconitana, una zuppa di pesce locale. Segnaliamo inoltre la saraghina a scottadeto, ossia cotta sulla brace e mangiata caldissima. Altri piatti di pesce tipici sono le seppie con i piselli e il varolo (nome locale della spigola) al forno. Un contorno davvero tipico di Ancona è costituito dai paccasassi, un'erba che vive nelle spaccature degli scogli marini. I paccasassi sono adatti ad accompagnare il pesce, ma anche per arricchire la pasta all'aglio e olio e, uniti a pezzetti di pecorino fresco, per preparare la pizza dorica. Per finire, tra i dolci vanno sicuramente gustati i ciambelloni con uvetta ripieni di crema, le ciambelle al mosto e la ci cerchiata (che è un composto di piccole sfere di farina, uova, zucchero ed anice, che poi vengono fritte e ricoperte di miele e mandorle).
Articoli correlati:
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100