Cerca nel sito
Jesi
Comune di Jesi
Jesi
Raggruppata su un piccolo colle lambito dal fiume Esino, Jesi mostra da lontano le sue mura trecentesche e chiama il visitatore a cogliere l'emozione della scoperta del suo cuore nobile e antico. Il lavoro e l'ingegno dell'uomo hanno edificato attraverso i secoli palazzi, monumenti, opere d'arte che hanno via via trasformato la struttura urbana. Resti d'insediamenti preistorici rimandano alle origini della cittÓ, sorta ancor prima che Romolo tracciasse sui colli laziali i solchi della fondazione di Roma. Memorie antiche alludono a leggendarie civiltÓ pagane su una terra dominata dai Pelasgi, su cui regnava il mitico re Esio da cui prende il nome il fiume e gli abitanti di Jesi, gli esini Il territorio fu abitato da antichi popoli italici come gli Etruschi e i Galli Senoni, da popoli barbari calati dal Nord e dai Piceni, tutti domati dalla potenza di Roma a partire dal 268 a.C. Durante l'etÓ imperiale Aesis assunse l'aspetto ben definito di una cittÓ florida all'interno di solide mura di cinta difensive. Intorno al foro (oggi Piazza Federico II) sorsero templi pagani e palazzi pubblici abbelliti di decorazioni a mosaico e di lussuose pavimentazioni, tanto che trent'anni fa l'UNESCO indic˛ Jesi quale cittÓ esemplare per la persistenza dell'intatto tessuto urbano del Castrum Romano, sebbene tutto l'insieme sia fuso con i segni monumentali della successiva civiltÓ medievale. Nell'area dell'attuale Palazzo Amici-Honorati venne costruito un grande teatro semicircolare capace di 2500 posti. 
Articoli correlati:
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie policy | Copyright ┬ę 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati