Cerca nel sito
artigianato artistico sardegna lavorazione tappeti aggius scialle Oliena

Sardegna: le perle dell’artigianato locale in 5 tour

Cinque itinerari alla scoperta dei laboratori artigianali in grado di valorizzare il patrimonio di un territorio ricco di tradizioni

Tappeto sardo
Courtesy of©gianluigibec77/iStock
Tappeto sardo
OLIENA, LO SCIALLE COME OPERA D’ARTE
1. A Oliena, vicino a Nuoro, si scopre la storia di un bellissimo capo d’artigianato, il famoso scialle, un accessorio per proteggersi dal freddo ma, soprattutto, una vera e propria forma arte che, da sempre, è parte integrante del costume tradizionale femminile: vedere per credere, ogni anno in occasione dell’evento "Autunno in Barbagia 2015", in calendario da settembre a dicembre, si sottolinea l’importanza di antichi saperi locali. VAI ALL’ITINERARIO



2. SAMUGHEO, IL TAPPETO PER ECCELLENZA E’ SARDO
In provincia di Oristano sorge Samugheo, deliziosa realtà famosa per la tessitura dei tappeti, un’attività che si tramandava di madre in figlia al fine di creare quel prezioso copripanca che andava a custodire gelosamente il corredo nunziale da portare in dote. Il passato di questo capolavoro lo si scopre al Museo Unico Regionale dell'Arte Tessile, conosciuto anche come MURATS là dove sono custoditi antichi tappeti, arazzi e coperte provenienti da tutte le zone dell'Isola realizzati in un periodo storico compreso tra il XVIII secolo e la prima metà del XX secolo. VAI ALL’ITINERARIO

3. CARATZAS, A OTTANA LA MAGIA DEL CARNEVALE
Quando si avvicina il carnevale si sente parlare di lei, Ottana, località della provincia di Nuoro pronta a fare festa con le Caratzas, le maschere tradizionali del paese divise in boes e merdules, entrambe intagliate nel legno, pronte ad andare in scena per raccontare scene della vita quotidiana care al mondo contadino. VAI ALL’ITINERARIO



4. AGGIUS, LA PERLA TESSILE GALLURESE
Il centro più rappresentativo dell’artigianato tessile gallurese è Aggius: qui si scopre la storia del tappeto che, dall’Ottocento, rappresenta una fonte di sostentamento per le famiglie locali. Bellissimi e coloratissimi i manufatti realizzati con quelle strisce multicolori dalle notevoli dimensioni ora in lino ora in lana cardata, tessuto caro a un'isola da sempre dedita alla pastorizia. VAI ALL’ITINERARIO



5. ARBUS AFFILA LA LAMA
Inimitabili i coltelli a serramanico prodotti ad Arbus, vere e proprie opere artistiche con manici di ogni forma e colore scolpiti in corno di cervo, cinghiale, muflone o altri materiali come la madreperla mentre, per quel che concerne le lame, sono in acciaio inossidabile G 70, inox o damascate. Per avere un panoramica si può fare tappa al Museo del coltello Sardo là dove a spiccare è l’arresoja più grande del mondo, opera dell'artigiano Paolo Pusceddu, la cui unicità l'ha portata a entrare nel Guinness dei primati nel 1986. VAI ALL’ITINERARIO


Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Sardegna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100