Cerca nel sito
Piemonte Cantine storiche sotterranee Gancia

Asti, le Cantine Storiche Gancia tra storia e architettura

Le Cantine Gancia sono state scelte dall'Unesco per essere riconosciute Patrimonio dell'Umanità

Cantine Storiche Gancia
©Fratelli Gancia&Co SpA
Galleria delle Cantine Storiche Gancia 
Nominare Canelli, che si trova a pochi chilometri da Asti, probabilmente non dice niente ai più. Ma quando, invece, si parla di Cantine Gancia, allora vengono subito in mente le bollicine di quello che è stato il primo spumante italiano. La Gancia, infatti, è una delle più importanti case viti-vinicole del Belpaese, apprezzata in tutto il mondo specialmente per la produzione di spumante. Carlo Gancia, nel 1880, fondò con il fratello Edoardo la Fratelli Gancia&Co, dopo che, anni prima, riuscì a produrre il primo spumante italiano grazie ai segreti carpiti con un soggiorno in territorio francese alla scoperta dello champagne. Da allora il successo fu inarrestabile ed iniziò un sistema di vendite a più ampia scala che continuò nei decenni successivi anche dopo la morte di Carlo, che lasciò l’azienda al primogenito.

Leggi anche: Champagne e spumante: come conservarli al meglio (Stile.it)

Gancia è oggi una realtà dai grandi numeri, con 2000 ettari di vigneti controllati, 30 ettari di vigneti in proprietà per la produzione di vini rossi e bianchi piemontesi, oltre 5 milioni di kg di uva vinificata ogni anno, oltre 1000 barriques utilizzate per l’affinamento dei vini bianchi e rossi e per la preparazione delle cuvèe per lo spumante, 25 milioni di bottiglie ed oltre 1 chilometro di gallerie sotterranee storiche che collegano gli oltre 600 metri quadri di suggestive cantine. Quelle stesse cantine con volte in mattone a vista risalenti ad inizio Ottocento, conosciute non a caso come le Cattedrali Sotterranee. Le Cantine Storiche Gancia si snodano e sono conservate nel sottosuolo della città di Canelli e non è un caso che siano state scelte dall’Unesco per essere riconosciute come Patrimonio dell’Umanità nell’ambito del progetto di candidature dei paesaggi vitivinicoli del Sud Piemonte.

Leggi anche: Bollicine: il segreto del gusto dello spumante (Stile.it)

Interamente scavate nel tufo calcareo, perfetto isolante termico naturale capace di mantenere costante la temperature di 12-14 gradi, rappresentano un patrimonio storicamente unico di architettura dedicata all’enologia. Il materiale esposto comprende antiche attrezzature e ricordi delle passate sponsorizzazioni Gancia, pupitre storiche con millesimati particolari di lunga maturazione e barriques di rovere francese dove matura il vino base per la preparazione del cuvée. E si trovano anche le bottiglie in fermentazione "sur lattes", cioè le bottiglie tenute in posizione orizzontale durante la presa di spuma adagiate sui caratteristici listelli di legno, spessi un centimetro, larghi 3-4 e lunghi 30-50, che servono per puntellare le cataste di bottiglie. 

Informazioni
Per visitare le cantine storiche contattare Casa Gancia al numero 0141-830262, 0141-830253 oppure tramite mail indirizzata a: franco.ferrero@gancia.it
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Piemonte
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100