Cerca nel sito
oktoberfest
Oktoberfest: la storia

La storia dell'Oktoberfest

Il 12 Ottobre 1810 il principe Ludwig di Baviera sposo' la principessa Teresa di Sassonia. I festeggiamenti terminarono con una corsa di cavalli sul Theresienwiese (il prato di Teresa). Negli anni seguenti la corsa di cavalli divenne un appuntamento irrinunciabile: l'Oktoberfest era nata.

Il 12 Ottobre 1810, quando la Baviera era gia\' da quattro anni un regno, il principe Ludwig di Baviera sposo\' la principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen. Le festivita\' ufficiali durarono cinque giorni ed includevano parate militari, musica, cibo e bevande. I festeggiamenti terminarono con una corsa di cavalli su di un prato allora situato fuori ai limiti cittadini e chiamato Theresienwiese (il prato di Teresa) in onore alla sposa. Negli anni seguenti la corsa di cavalli divenne un appuntamento irrinunciabile, l\'Oktoberfest, anche chiamata \"Wiesn\", era nata. Nel 1811 oltre alla corsa ebbe luogo anche un festival agricolo, la cui attrazione maggiore era una gara di bellezza per cavalli e buoi. La corsa di cavalli termino\' nel 1938, mentre il festival agricolo si festeggia tutt\'oggi ogni quattro anni, quando l\'Oktoberfest, che divide lo spazio con il festival, diventa \"la piccola Oktoberfest\". nel 1818 furono installate le prime giostre e, finalmente, alcuni barili di birra cominciarono a fare le prime apparizioni. Nel 1896 si installarono i primi \"tendoni\" ad iniziativa dei proprietari delle diverse birrerie di Monaco. Fino ad oggi solo birrerie di Monaco hanno il diritto di vendere birra all\'Oktoberfest. Alla birra seguirono altre giostre e cibo. Fu nel 1892 che vennero introdotti i bicchieroni da litro usati oggi e dai quali non si puo\' sfuggire. Non provate a chiedere mezzo litro di birra alle energiche cameriere! Nel 1950, dopo la seconda guerra mondiale che blocco\' la festa per qualche anno, il sindaco Thomas Wimmer inizio\' una nuova tradizione: il pomeriggio dellapertura il primo cittadino rompe il primo barile nella tenda di Schottenhamel gridando in bavarese \"Ozapft is!\" (il barile \'e stato aperto!). Nel 1984 i barili usati divennero di metallo ricoperto di legno in modo da associare efficienza a tradizione. Per avere un\'idea delle dimensioni della manifestazione basti sapere che negli ultimi anni una media di sei milioni di visitatori partecipano all\'Oktoberfest bevendo lo stesso numero di litri di birra, mangiando centinaia di manzi, 300.000 salsicce e mezzo milione di polli arrosto!
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per territorio
  • Capo Vaticano, relax al profumo di agrumi
    Wikimedia Commons

    Capo Vaticano, relax al profumo di agrumi

    Nel cuore della costa degli Dei sorge un’oasi di pace e serenità, dove potrete coccolarvi e rigenerarvi con le inebrianti essenze di Calabria
  • Il bianco polesano
    it.wikipedia.org

    Il bianco polesano

    L'aglio DOP è il prodotto simbolo della provincia di Rovigo, città d'arte adagiata nel cuore del Polesine e accarezzata dalla brezza marina del vicino Delta del Po
Seguici su:
Social
Navigazione | Company | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2014. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100