Cerca nel sito
California location film Suburbicon George Clooney Burbank Fullerton

George Clooney sceglie la California per il suo Suburbicon

Il nuovo film da regista del popolare attore tocca nervi scoperti, e svela le ombre del Golden State.

01 distribution
Spesso ci concentriamo sui grandi nomi nel presentare un film, ed è inevitabile che un regista come George Clooney e una coppia di protagonisti principali come Matt Damon e Julianne Moore siano una forza impossibile da ignorare, eppure nel caso del loro Suburbicon, Dove tutto è come sembra fa notizia il riconoscimento dei prestigiosi COLA (California On Location Award) per il 'Location Manager' Michael Burmeister del film e il suo 'Location Team' composto da Ken Haber, Brian Kalata, Perri Fitchner, Alex Kivlen e Rich Bokides, che a giorni potrebbero risultare i migliori dell'anno nella categoria "Independent Feature Films" proprio per il lavoro fatto nel creare la Levittown in cui si svolge il film.

Si tratta di un classico e gioioso sobborgo californiano degli anni ’50, dove il meglio e il peggio dell’umanità si riflettono nelle azioni della gente comune. Questo almeno finché un misterioso omicidio fa emergere comportamenti inattesi: una famiglia apparentemente perfetta si trova infatti costretta a ricorrere al ricatto, alla vendetta e al tradimento per sopravvivere. Insomma, una black comedy che nasconde sotto l’apparenza idilliaca un’implacabile ferocia, come nello stile dell'amatissimo George, già premio Oscar per Argo e Syriana e dei suoi amici - qui sceneggiatori - Joel & Ethan Coen (anche loro premiati con la statuetta per Non è un paese per vecchi e Fargo).


Proprio Clooney ha scelto lo Smokehouse Restaurant di Burbank (che dà il nome alla sua compagnia di produzione, per altro) per festeggiare con attori e tecnici la fine delle riprese. Un evento dal sapore 'casalingo', visto che gran parte della vicenda è stata ospitata dal comune della contea di Los Angeles e dai locali Warner Brothers Studios e che per il resto della lavorazione non ci si è allontanati poi molto, approfittando degli sfondi di Encino e Van Nuys, Carson (per gli esterni della casa dei Lodge), Santa Clarita, San Fernando, North Hollywood (dove l'ormai deserto Valley Plaza Recreation Center è stato trasformato in un’area shopping degli anni 50 con vetrate d’epoca), Altadena, Pasadena, Canyon Country e la sua Mystery Mesa e soprattutto Fullerton. Ed è in uno dei sobborghi di Fullerton che la produzione ha trovato gli esterni perfetti per la casa dei Meyers, e una ventina di case di quell’epoca visibili nella ripresa iniziale: "Le case di Fullerton sono state costruite nel 1958, e la cosa per noi era perfetta, - ha dichiarato lo scenografo Jim Bissell. - La comunità è sempre stata orgogliosa di aver conservato l’architettura originale e ci sono state solo pochissime modifiche. È stata una location molto importante, perché anche i colori delle costruzioni sono rimasti gli stessi".

In realtà la nostra Levittown sarebbe visitabile nella 'lontana' Pennsylvania, ma - come spiega ancora Bissell - "anche se abbiamo girato in California, abbiamo voluto che le case fossero come un po’ ovunque negli USA. Il nostro obiettivo quando facevamo i sopralluoghi per girare era trovare case nelle migliori condizioni possibili". Salvo poi trasformarle ripiantando alberi o eliminandone, riparando marciapiedi e rinfrescando l’esterno di molte case con una mano di vernice e l’aggiunta di alcuni elementi degli anni 50, come siepi e luci… "Ovunque abbiamo girato, la gente è stata fantastica con noi - commentava lo stesso Clooney. - Abbiamo stravolto le loro vite, ridipinto la loro case e girato tutta la notte, ma loro ci sono sempre stati accanto e ci hanno sostenuto".
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100