Cerca nel sito
Patti tipici Polonia bigos ricette etniche

Bigos, il classico della cucina polacca

Un piatto da servire caldo ma che viene conservato al fresco fino a 5 giorni dopo la preparazione

piatto tipico Polonia a base di carne e crauti
iStock
Bigos
La cucina polacca si è sviluppata interagendo con le culture culinarie delle molte etnie dell'antica Repubblica (lituani, bielorussi, ucrraini, ebrei) e dei Paesi confinanti (Russia, Germania, Austria, Ungheria). A questo si aggiungono le influenzre francesi e italiane, e la sua marcata impronta rustica, con sapori robusti e ricca di calorie, adatti a combattere i lunghi e rigidi inverni del Nord. 

FOTO: I 20 PAESI PIU' PACIFICI DEL MONDO (Stile.it)
 
Sulle tavole polacche dominano le carni (soprattutto maiale e cacciagione) e i pesci d'acqua dolce, mentre fra i contorni spiccano soprattutto patate, crauti, barbabietole e funghi. Succulento e sostanzioso primo piatto della tradizione culinaria polacca, non a caso diffusa in varie parti dell'Europa dell'Est come Ucraina, Bielorussia, Polonia, Lituania, Slovacchia, Ungheria e perfino Germani, il bigos è un piatto a base di crauti, carne e spezie e, come avviene per i piatti più prelibati e rinomati del mondo, presenta diverse varianti che possono cambiare chiaramente sia in base ai gusti personali, sia in base al paese in cui viene realizzato. 

Leggi anche: EFA: IDA TRIONFA AGLI OSCAR EUROPEI (Film.it)
 
Crauti tagliati fini, verza fresca, vitello, maiale, salsiccia polacca (kiebasa), pancetta affumicata, funghi, cipolla, prugne secche, passata di pomodoro e spezie (tra cui pimento, pepe ed alloro), la cui preparazione può variare secondo il numero diingredienti utilizzati, le loro proporzioni e il tempo di cottura. La ricetta più comune prevede la bollitura dei crauti in una casseruola, mentre al contempo si fa rosolare il manzo ed il maiale, tagliati a dadi e conditi con spezie, in un secondo tegame. A parte si lasciano scottare la salsiccia e la pancetta affumicata per poi versare, infine, tutti gli ingredienti in una pentola insieme ai crauti e alla passata di pomodoro. La cottura, talvolta, può protrarsi a fuoco lento per diverse ore secondo le proprie preferenze.

FOTO: PAESI SOTTO SPIRITO: DOVE SI BEVE DI PIU' (Stile.it)
 
Spesso il bigos si prepara nelle fredde giornate invernali perché si serve rigorosamente caldo, ma non è raro trovarlo sulle tavole polacche anche durante la bella stagione. Il gusto di questo piatto si può apprezzare meglio a circa 24 ore dalla preparazione, perciò solitamente non viene consumato subito ma conservato nel frigorifero o in un luogo fresco fino 5 giorni dalla cottura. 
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Polonia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100