Cerca nel sito
trentino alto adige natura giardini eventi itinerari

Monte Bondone, meraviglie alpine al Giardino Botanico Viote

Il giardino alpino custodisce una moltitudine di specie da scoprire con le numerose attività per il pubblico

giardino botanico alpino viote
Courtesy of ©facebook.com/giardinobotanicoviote
Giardino Botanico Alpino Viote
Con i suoi 80 anni di storia, ricerca e tutela di specie floristiche preziose e rare, il Giardino Botanico Alpino Viote di Monte Bondone è uno dei più antichi dell'intero arco alpino. Fondato nel 1938, in origine il giardino custodiva una collezione di piante alpine sistemate su delle aiuole rocciose. Nel corso del tempo la superficie, assieme all'assortimento di specie botaniche, è cresciuta esponenzialmente grazie all'intervento di numerosi botanici tra cui Vittorio Marchesoni con il contributo del quale sono state introdotte numerose specie extraeuropee e realizzate nuove grandi aiuole in cui le piante sono state disposte in base all'area di provenienza. Si può ancora ammirare la struttura di base osservando le aiuole dedicate ai diversi massicci montuosi del mondo: Alpi, Balcani, Carpazi, Caucaso, Pirenei, Montagne Rocciose, Himalaya e Appennini. I numerosi interventi di ampliamento hanno arricchito il giardino di svariati ambienti interessanti, dalla torbiera sapientemente risistemata, sino al laghetto e alle numerose strutture per il pubblico che hanno trasformato il giardino in un luogo ricco di fascino ed attrattive non soltanto per per gli appassionati e per gli addetti ai lavori, ma anche per le famiglie e per chiunque ami concedersi lunghe giornate all'aria aperta.

Oggi il Giardino Botanico Alpino Viote, sede del Museo delle Scienze – MUSE, vanta una superficie di ben 10 ettari che svela ai visitatori un trionfo di specie floristiche meravigliose, molte delle quali rare e a rischio di estinzione. La struttura è composta da un'area storica che custodisce specie endemiche e minacciate coltivate in aiuole rocciose, e da un'area a parco composta da praterie fiorite, boschi, torbiere e campi coltivati. Arricchiscono l'offerta ai visitatori il Rifugio Capanna Catoni, con una parte destinata alle funzioni di supporto alle attività del Giardino, laboratori e uffici, e un piccolo spazio espositivo a tema erboristico denominato “Sala delle Erbe” dov’è allestito un essiccatoio tradizionale e sono esposte decine di piante medicinali coltivate in Giardino. Presso il Rifugio Viote, infine, è possibile godere di un piacevole servizio di ristorazione e piccola ospitalità. Da non perdere, durante la visita, oltre alle aiuole dedicate ai massicci del mondo, anche le numerose collezioni tematiche che spaziano dalle piante acquatiche a quelle medicinali e velenose, sino a quelle a rischio estinzione. Altrettanto interessante la vasta zona destinata agli orti e ai campi coltivati dove ci si dedica alla cura delle colture tradizionali e abbandonate della montagna trentina come i cereali, le patate, specie selvatiche commestibili, specie mellifere e ortaggi d'alta quota. Magnifiche, infine, le numerose specie endemiche, i relitti glaciali e le specie invasive.

Ma a rendere speciale questo giardino non sono soltanto l'estrema rilevanza scientifica, la ricca biodiversità e le bellezze paesaggistiche. Soprattutto negli ultimi anni, infatti, il Giardino Botanico Alpino Viote si è dedicato con crescente attenzione all'accoglienza del pubblico mediante l'organizzazione di numerose attività che coinvolgono adulti e bambini presentando il parco e le sue specie in maniera accattivante anche per chi non è esperto del settore. I mesi estivi sono quelli di maggiore afflusso e sono, dunque, quelli caratterizzati da un calendario più fitto di iniziative ed attività. Da non perdere, per la stagione 2018, l'activity book “Taccuino dell'Esploratore” un libricino interattivo che verrà proposto alle famiglie con bambini assieme allo zainetto contenente tutto il materiale necessario per portare a termine le attività proposte ad ogni tappa della visita del giardino, la “Nanna al Giardino” che offre l'opportunità unica di fermarsi tra le meraviglie botaniche del parco dal tramonto sino all'alba dormendo in tenda a contatto con la natura, oltre alle numerose attività per famiglie, ai corsi, e alla possibilità, anche per i non vedenti, di scoprire e godere dei tesori della natura grazie all'esperienza multisensoriale offerta dal percorso “A Occhi Chiusi”. Numerosi anche gli eventi che animano il giardino nel corso della stagione estiva, tra cui “Latte in Festa”, dedicato al tema della fienagione e della filiera lattierocasearia, “A volo d'ape”, dedicato al tema del volo e all'osservazione del cielo, e “Musica in fiore”, concerto pomeridiano nella suggestiva cornice del Giardino Botanico.

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE




Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100