Cerca nel sito
Milazzo Sicilia Messina UFO Avvistamenti

Milazzo, nella terra degli UFO

Alla scoperta del borgo messinese dove si annovera la media di avvistamenti più alta del Paese. 

Milazzo, Messina, Sicilia
iStock
Milazzo
PERCHE' SE NE PARLA
A Milazzo, nella provincia di Messina, record di avvistamenti UFO. In media, a livello nazionale, secondo un redazionale de Il Foglio, si verificano ogni anno 4,1 avvistamenti per ogni milione di abitanti di Unidentified Flying Object. Nella capitale, invece, se ne contano di meno, trattandosi di solo 2,4 avvistamenti. I romani, pertanto, "avvistano" oltre il 40 per cento in meno degli italiani. Infatti Torino registra 2,5 avvistamenti l'anno a milione di abitanti, Milano ne racconta 2,6 e Napoli 2,8.

Il comune del messinese, invece, denuncia una media pazzesca di avvistamenti: 44,4 annui a milione di abitanti, superando in percentuale quasi undici volte la media nazionale. Prato, raggiunge una media annua di 14,3 avvistamenti corrispondente a tre volte e mezza quella nazionale. La Toscana è la regione ritenuta di gran lunga capofila in fatto di "presenze", circa duemila.

Lombardia e Piemonte, invece, si trovano quasi in fondo alla classifica degli avvistamenti per regione. La Campania rappresenta l'eccezione alla regola in quanto con un rapporto di 2,2 a 4,1, evidenzia un valore di poco superiore alla metà di quello nazionale. In coda alla classifica la Basilicata.

PERCHE' ANDARCI
Le mura antiche, i quartieri medievali e la cittadella che venne fortificata nel periodo arabo, benché la sua funzione difensiva risale ai tempi della presenza dei Greci. Furono questi ultimi a rendere Milazzo una vivacissima acropoli. L'antico Borgo vanta al suo interno numerosi edifici religiosi; si pensi, ad esempio, al bellissimo Santuario di San Francesco di Paola. Questo venne edificato nel Quattrocento ma, in seguito, durante la ristrutturazione nel Settecento, conservò poco dello stile iniziale. Degni di nota sia il Palazzo dei Viceré, risalente al XVIII secolo in cui spicca lo stile Barocco, sia la chiesa della Madonna del Rosario che fino al 1783 era ilTribunale dell'Inquisizione.

DA NON PERDERE
 La zona di Milazzo più recente è senza dubbio, la città bassa. Ma non per questo meno interessante. Fu costruita nel XVIII secolo, allorché gli abitanti pensarono di stabilirsi in una zona più vicina al mare, in alternativa alla stessa città. Piazza Caio Duilio ne è il centro e, accanto, ha luogo ogni mattina il mercatino del pesce. Sul lato ovest della piazza si erge il Palazzo Marchese Proto, noto come il quartier generale di Garibaldi. Sul lato est, invece, si impone l'elegante facciata della Chiesa del Carmine, attigua al Convento del Carmine, attualmente sede di uffici comunali. Dal piazzale antistante la Chiesetta della SS. Trinità, mentre si passeggia lungo la zona del Capo, si può godere, un incantevole spettacolo mozzafiato. Bella è certamente la Grotta di Polifemo; in essa,stando a quanto la mitologia racconta, avvenne l'incontro di Ulisse col Ciclope.  

PERCHE' NON ANDARCI
Una realtà ricchissima e davvero interessante. Ma gli aeroporti più vicini sono quelli di Reggio Calabria, Catania e Palermo. E i treni sono quelli del sud ed est-ovest. Ci sono anche i pullman, certo, ma prenderli non è una soluzione comoda. Meglio muoversi in auto, con tutte le difficoltà che ne conseguono.

COSA NON COMPRARE
Lavori in ceramica ed in terracotta, in cotto siciliano ed in legno. Anche in pietra lavica, se proprio volete qualcosa di unico. E poi tamburelli coloratissimi, piccoli carretti siciliani, interessanti tessuti. E ci sono anche le calamite a forma di sole. Se proprio volete qualcosa di anonimo, eccole... 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100