Cerca nel sito
Canne della Battaglia Puglia ANnibale

Gita a Canne, dove Annibale sconfisse i romani

Il Parco Archeologico pugliese di Canne della Battaglia, teatro di un epico scontro

rovine di Canne
Di maxzocca - Opera propriaThis photo was uploaded with Wiki Loves Monuments mobile 1.2.5 (Android)., CC BY-SA 3.0, https://comm
Canne della Battaglia
Quella di Canne fu una delle battaglie più epocali della storia, di quelle che ancora oggi vengono studiate quando si parla di tattiche di guerra. Nella località pugliese infatti, oggi parco archeologico noto come Canne della Battaglia, avvenne nel 216 a.C. uno dei più grandi scontri tra romani e cartaginesi, con i secondi che ebbero la meglio grazie alle strategie di Annibale. Il grande condottiero riuscì infatti a sconfiggere l'esercito romano pur contando su un numero infinitamente inferiore di uomini e pur senza conoscere il territorio. Guerre Puniche a parte, Canne della Battaglia è oggi un interessante sito archeologico, che si trova a metà strada tra Canosa di Puglia e Barletta, sulle rive del fiume Ofanto (che tanto fu importante per la tattica vittoriosa dei cartaginesi). 
 
A Canne non ci sono solo ritrovamenti romani, ma anche paleocristiani e medievali. Gli scavi hanno portato alla luce reperti che risalgono all'età del Rame e un menhir che apparterrebbe addirittura all'età della pietra. Scoperto sul finire degli anni '30, il suo orientamento fa supporre una funzione monumentale funebre e un collegamento con gli astri. Oltre alla pietra megalitica, diversi reperti ceramici suggeriscono una importante densità abitativa dell'area già in età preistorica protostorica (tra l'età del Bronzo e del Ferro). Dell'epoca romana rimangono molti resti, essendo diventata la località un importante emporio fluviale. Maestosa è la cinta muraria medievale, che per secoli ha protetto la popolazione dalle incursioni nemiche, mentre particolarmente affascinante è la 'cittadella', un villaggio dauno poco distante, e una necropoli. 
 
Dopo la caduta dell'Impero Romano, Canne subì diverse devastazioni, riconquiste, rinascite e distruzioni. Passò sotto le armi degli ostrogoti, poi dei saraceni. Divenne un centro religioso nel primo secolo dell'anno 1000. Insomma un parco archeologico che offre un percorso interessante tra testimonianze di varie epoche.  Ad arricchire la visita, l'Antiquarium, ovvero un museo che raccoglie i reperti dei vari insediamenti nei diversi momenti storici. Esposizione arricchita da grafici e pannelli esplicativi. 
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100