Cerca nel sito
Cremona
courtesy of ©APT Cremona
Cremona tra violini e torroni

Cremona tra violini e torroni

Chi vuole entrare nel vivo della prestigiosa tradizione che lega la città al nome di Stradivari, non può che intraprendere il percorso liutario.

Il percorso nella “città vecchia” e quello nella “città nova” sono un modo per scoprire, con una piacevole passeggiata, i tesori nascosti in questo angolo di terra e di acqua che ha nome Cremona. Lo scorrere dei fiumi Po, Oglio, Serio e Adda assicurano alla campagna cremonese un fascino unico e i numerosi sentieri ciclistici invitano ad un’immersione autentica nella natura padana.

La medievale Piazza del Comune è indiscutibilmente il luogo più attraente della città vecchia, dove convogliano alcuni dei monumenti simbolo di Cremona, primo fra tutti il Torrazzo, il più alto campanile in muratura italiana (111 metri), da dove – salendo 487 scalini – si può godere di uno splendido panorama della città. Sul fusto della torre campanaria spicca l’orologio astronomico del 1583. A seguire, la Cattedrale romanico-lombarda, l’ottagonale Battistero, il duecentesco Palazzo Comunale e la Loggia dei Militi che, sotto il portico, conserva l’emblema leggendario di Zanen de la Bala, eroe cremonese. Un braccio con la palla e la scritta “fortitudo mea in bracho”, a ricordare la vittoria di Giovanni Baldesio (Zanen) che, in epoca medievale, liberò la città dal tributo gravante su di essa e consistente in una palla d’oro di cinque chili. La Loggia è uno dei più caratteristici esempi di architettura gotica in Lombardia. L’itinerario comprende anche il Teatro Ponchielli, la chiesa di S. Pietro al Po, la chiesa di S. Omobono, patrono della città, e può concludersi ai Giardini di Piazza Roma, il polmone verde del centro, dove risiede la pietra tombale del famoso liutaio Antonio Stradivari.

Il secondo percorso si ispira alle vicende storiche che caratterizzarono la città in epoca medioevale e che consacrarono a luoghi di potere il Palazzo Cittanova e la chiesa di S. Agata. In corso Garibaldi si trova Palazzo Raimondi che dal 1974 ospita la Scuola Internazionale di Liuteria “Antonio Stradivari”. Altra prestigiosa residenza signorile, al numero 4 di via Ugolani, è il Palazzo Affaitati, costruito nel XVI secolo e oggi sede del Museo Civico “Ala Ponzone” che comprende una preziosa raccolta archeologica, una ricca pinacoteca, il Museo del Risorgimento, il cosiddetto “Tesoro del Duomo” e il Museo Stradivariano (con ingresso in via Palestro) dedicato alla grande tradizione musicale cittadina.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
  • Milano e Boldini, Parisien d’Italie
    www.gammanzoni.com

    Milano e Boldini, Parisien d’Italie

    La città meneghina rende omaggio a uno dei  protagonisti della pittura italiana dell’Ottocento, con quaranta capolavori, alcuni dei quali mai esposti in pubblico
  • Cantù, la città del legno
    Courtesy of©Giuseppe Parisi/iStock

    Cantù, la città del legno

    La prima pipa artigianale al mondo è un mito di fama internazionale, un’eccellenza dalla perfetta equilibratura che fa gola a semplici fumatori e grandi collezionisti
Seguici su:
Social
Luoghi correlati all'articolo
Navigazione | Company | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2014. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100