Cerca nel sito
Vacanze in Calabria: Parco archeologico di Scolacium

Catanzaro, passeggiata tra le opere d'arte

Non solo mare in Calabria: scopriamo le meraviglie del Parco archeologico di Scolacium

Opera di Mauro Staccioli
©Intersezioni
Prendete reperti archeologici greci e sculture contemporanee, mischiateli alla natura ed ecco che prende forma il Parco archeologico di Scolacium, presso Catanzaro. Siamo per l’esattezza nel comune di Borgia, a poca distanza a sud di Catanzaro Lido, dove dal 1982 si può ammirare un luogo in cui antico e moderno si fondono per dare vita ad una gigantesca opera d’arte. I ritrovamenti archeologici hanno rinvenuto i resti dell’antica colonia greca di Sekylletion, successivamente trasformata dai Romani in Scolacium.

Il parco, di oltre 30 ettari, conserva antiche costruzioni di epoca greco-romana, normanna (come i ruderi della Chiesa di S. Maria della Roccella), e diversi reperti archeologici di notevole interesse come ceramiche e statue. La Roccelletta di Borgia, basilica dedicata a Santa Maria della Roccella, si erge imponente all’ingresso e splende coi suoi mattoni rossi e il mix di diversi stili architettonici, che vanno da quello romanico e bizantino fino all’arabo. Altro monumento antico di interesse è il Teatro Romano, di cui sono ben visibili le gradinate, il Vecchio Foro, la piazza pavimentata con grandi mattoni laterizi e una fontana.

E’ qui, in questo luogo  d’altri tempi, che dal 2005 si svolge la rassegna Intersezioni, che porta le opere dei più noti scultori contemporanei a mischiarsi con le antiche pietre negli scenari più suggestivi. Ecco quindi che quest’anno, sullo sfondo della cavea del teatro, tra i lastricati del foro, nella navata scoperchiata della chiesa normanna o fra i marmi romani del piccolo museo, sfilano le opere di Mauro Staccioli, scultore originario di Volterra che vive e lavora a Milano. Impegnato da decenni a cercare un dialogo tra la scultura e gli ambienti urbano e naturale, Staccioli ha portato a Scolacium un progetto di installazioni monumentali, alte fino a 10 metri, e una serie di opere realizzate appositamente per l’occasione.

Tra queste l’”Uomo che misura le nuvole” è un bronzo dorato che, stagliandosi dalla cima di una scaletta contro il cielo verso cui protende il righello, sembra davvero stia calcolando l’estensione delle nuvole. Stesso senso di armonia tra opera e luogo si prova davanti alle installazioni di Antony GormelySeven times”, sette sculture a grandezza naturale rivolte in fila verso  il mare, che gradualmente emergono dall’erba, o davanti ai “Testimoni” di Mimmo Paladino, quattro figure di bronzo che sembrano accogliere chi entra per visitare il parco, un vero gioiello calabrese che si divide tra arte, storia e natura.

Vai alla GUIDA CALABRIA

Leggi anche
Un tuffo nella Magna Grecia
Il Museo Nazionale di Reggio Calabria
Mare e relax alle Terme Luigiane
I borghi delle comunità grecaniche

Informazioni
www.intersezioni.org

Segui la Rubrica Arte e Cultura

Leggi anche:
La scultura di sale prende vita
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100