Cerca nel sito
HOME  / cuore
Brindisi celebrazioni di San Teodoro d'Amasea e San Lorenzo

Brindisi in festa con San Teodoro d'Amasea 

Il patrono della città di Brindisi viene festeggiato annualmente la prima settimana di settembre assieme al copatrono San Lorenzo.

Imbarcazioni a Brindisi
©Brindisireport.it
Brindisi, celebrazioni di San Teodoro: il Palio dell'Arca
Ogni anno, durante la prima settimana di Settembre, Brindisi celebra per tre giorni San Teodoro, patrono della città assieme al copatrono San Lorenzo, con spettacolari festeggiamenti che richiamano abitanti di tutta la zona limitrofa e turisti che si lasciano incantare dalla tradizione pugliese, arricchita da suggestive leggende. Di origini orientali, Teodoro d’Amasea era un soldato cristiano del IV secolo, che prese questo nome quando fu trasferito nella città turca di Amasea dove imperversavano le persecuzioni contro i cristiani. La storia racconta che si rifiutò di offrire sacrifici agli dei e, sottoposto ad atroci torture, non rinnegò la sua fede tanto che venne condannato al rogo, ma un miracoloso intervento divino fece in modo che le fiamme non lo scalfirono e senza alcun dolore donò la propria anima al Signore.

Leggi anche: SAPORI DI PUGLIA IN MASSERIA

Vicenda più terrena è quella che coinvolge invece Giulio Cesare Russo che, nato a Brindisi nel 1559, indossò l'abito francescano e dopo essere rimasto orfano si trasferì a Venezia dove gli fu assegnato il nome di Lorenzo. Viaggiò per tutta Europa predicando il Vangelo e mori per avvelenamento in Spagna, lontano dalla sua terra d’origine. Durante i festeggiamenti dei Santi Patroni una fase particolarmente sentita è la Processione a mare che, nata nel 1776, inizia dall’isola su cui sorge il castello Alfonsino- Aragonese, dove i due Santi vengono imbarcati su di una nave che percorre le acque del porto seguite da altre imbarcazioni, fino ad arrivare alle banchine del porto interno, dove le attendono le Autorità locali. Dopo il tradizionale discorso del Vescovo la processione riprende tra le strade del centro sino alla Cattedrale.

Come vuole la tradizione le spoglie di San Teodoro pare siano giunte in città dal mare mentre venivano trasportate dalla Turchia e che dall’imbarcazione su cui viaggiavano, inseguita dai Turchi, vennero lasciate su una piccola zattera che si sarebbe spinta per divina volontà sino alle coste di Brindisi. Per evidenziare questo fatto si svolge anche quello che è definito il Palio dell’Arca, ovvero una competizione tra piccole barche chiamate skifarieddi, in ricordo dei pescatori che recuperarono le spoglie del Santo nel XII secolo. I festeggiamenti culminano con il meraviglioso spettacolo di fuochi d’artificio che illuminano il porto interno e la zona circostante, mentre il centro si vivacizza con bancarelle di ogni tipo e di illiminarie. 
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati