Cerca nel sito
Abruzzo Pacentro Cosa vedere

Pacentro, l'Abruzzo autentico

Nel cuore del Parco Nazionale della Majella uno dei borghi più belli d'Italia dominato dal bellissimo Castello Caldora

Veduta
©iStockphoto
Veduta panoramica di Pacentro
Tra le province de L’Aquila, Chieti e Pescara si distribuiscono 39 comuni che fanno parte del Parco Nazionale della Majella, oltre 74 mila ettari di paesaggio naturalistico che alterna altopiani, vette che superano i 2000 metri e valloni selvaggi a giacimenti preistorici, eremi e diversi luoghi di culto come l'Abbazia di Santo Spirito al Morrone di cui abbiamo parlato qui. La Majella è da sempre considerata una montagna sacra, come si evince già dal nome che richiama la Maja, madre delle messi. Sulla Valle Peligna, a ridosso proprio delle montagne della Majella, si trova il borgo di Pacentro, che, anche in virtù di questa straordinaria posizione panoramica, è stato inserito nella lista dei Borghi più Belli d’Italia rendendolo una delle località più interessanti dell’Abruzzo. Non è solo l’indiscussa bellezza dei suoi vicoli, delle piccole chiese, di un centro storico che ha molto da raccontare ad attrarre i numerosi visitatori: in molti arrivano da queste parti perché il paese è anche famoso per aver dato i natali ai nonni della pop star Madonna prima che si trasferissero negli Stati Uniti, come si legge anche in questo articolo.

Strada del centro del borgo / ©iStockphoto

Durante la sua storia travagliata che comprende le contese tra Angioini ed Aragonesi e i passaggi di proprietà del feudo di Pacentro per diversi secoli prima di diventare parte integrante dell’Italia nel 1860, il borgo ha sempre mantenuto comunque una certezza, ovvero la presenza del suo Castello, vero fulcro cittadino, una delle strutture fortificate meglio conservate della regione. Si presenta con una base trapezoidale circondata da tre alte torri quadrate, due delle quali merlate e tre torrioni cilindrici angolari eretti a difesa delle mura esterne. La costruzione, la cui parte originaria è antecedente al Trecento, presenta una doppia cinta muraria, quella esterna, più recente e meglio conservata, e quella interna, più antica e più rovinata. Nel corso dei secoli il fortilizio è appartenuto a diverse famiglie che hanno signoreggiato nel feudo: Caldora, Cantelmo, Orsini, Colonna, Maffeo Barberini. Proprio con i Caldora, nel Quattrocento, venne ingrandito con l’aggiunta delle due torri e dell’ala residenziale. Dopo i Caldora divenne proprietà degli Orsini, che fecero costruire le torri cilindriche a protezione di quelle quadrangolari. Le due torri più alte hanno un elegante merlatura con coronamento di beccatelli scolpiti con figure antropomorfe, mentre i torrioni circolari presentano feritoie per archibugi e bombarde. Nel 1957 il Castello è divenuto proprietà del comune di Pacentro e, dopo numerosi restauri, una parte è oggi visitabile con la possibilità di accesso a una delle torri da dove si gode il meraviglioso panorama sulla Valle Peligna.

Scorcio del Castello / ©iStockphoto

Di fronte al castello sorge un altro suggestivo complesso architettonico, la Chiesa di Santa Maria Maggiore o della Misericordia, dove, tra gli elementi di pregio, spiccano il bellissimo campanile, la facciata del Cinquecento e il pulpito ligneo barocco. Tanti sono i gioielli artistici ed architettonici da scoprire, come l’antica Chiesa di San Marcello, edificata nell’XI secolo e dedicata al patrono del paese, che ha subito nel corso dei secoli diverse modifiche come rivelano la sua facciata irregolare, la pianta di forma inusuale e la compresenza di diversi stili, e diversi palazzi come Palazzo Granata, Palazzo Avolio, Palazzo La Rocca, sede del Municipio e Palazzo Tonno. Quest’ultimo porte il nome che deriva dalla “preta tonna”,  “pietra dello scandalo”: si tratta di una grossa pietra incavata, utilizzata come unità di misura del grano, sulla quale in passato chi non onorava i propri debiti veniva obbligato a sedersi completamente nudo in modo che tutti i passanti potessero schernirlo. Particolare è l’antico lavatoio, chiamato i canaje: si trova alla sommità del borgo, nei dintorni del castello, ed è costruito con lastroni di pietra che vanno a formare una struttura del tutto simile allo scafo di un’imbarcazione. Ogni anno le torri del Castello Cantelmo e il Palazzo Tonno fanno da sfondo ai Caldoreschi, una rievocazione storica sulle gesta dei principi Caldora che dominarono il borgo. La Rievocazione storica dei Caldoreschi permette ai visitatori di tornare all’anno 1450 ricordando avvenimenti storici accaduti a Pacentro in un turbinio di eventi con roghi, investiture di cavalieri, combattimenti, duelli e sabba di streghe. Ci si immerge completamente nell’affascinante atmosfera grazie anche al corteo storico che si snoda per le vie del centro allestito da scenari quattrocenteschi con decine di figuranti in costumi d’epoca.

Facciata della Chiesa di Santa Maria della Misericordia / © Visit Pacentro

Poco distante dal centro storico di Pacentro si trova un parco archeologico con la splendida grotta di Colle Nusca, dove sono state scoperte alcune pitture rappresentanti animali e scene di caccia, attività fondamentale per l’uomo primitivo. I graffiti tracciati in ocra rossa sulla parete rocciosa raffigurano quello che è un rito di buon auspicio per la caccia: otto uomini armati con frecce e archi seguono un personaggio particolare, probabilmente un sacerdote o un capo tribù. Altre pitture mostrano un grosso pesce, una lucertola e uno strano strumento, forse una trappola per animali, tutto databile tra il V e il IV millennio a.C.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Abruzzo
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati