Cerca nel sito
artigianato artistico valle d'aosta pantofole D’Socka    

Valle d'Aosta: 4 cose da sapere sulle tipiche "Sock"

Comodità e calore: queste le caratteristiche vincenti di un prodotto che rappresenta l’artigianato tipico della Valle di Gressoney

Pantofole della Cooperativa d'Socka
Courtesy of© lovevda.it
Pantofole della Cooperativa d'Socka
Innamorarsi della Valle d’Aosta significa anche sapere guardare oltre ai suoi bellissimi paesaggi: ebbene sì, vale davvero la pena entrare in contatto con il suo patrimonio artigianale, un’arte che viene custodita gelosamente dagli abitanti del posto desiderosi di mantenere vive quelle tradizioni e lavorazioni antiche che li legano alla storia e alla cultura del territorio. L’inverno è quasi finito ma il fascino delle belle cose non conosce limiti stagionali: a scaldare i piedi durante la fredda stagione sono loro, le sock ovvero le famose pantofole in panno, modelli molto robusti e confortevoli che, tutt’oggi, vengono utilizzate dagli abitanti della Valle di Gressoney.
 
LA TRADIZIONE Quando si parla di "Sock" si allude a quelle pantofole in tessuto rustico confezionate nella vallata del Lys, chiamata anche Valle di Gressoney, un'arte le cui origini sono difficile da definire ma, a quanto pare, i primi scritti che alludono all'abbigliamento locale risalgono al 1800. Queste calzature erano il frutto di un paziente lavoro eseguito dalle donne nelle lunghe giornate d’inverno che, avvalendosi, di vecchi abiti, sfruttavano quei tessuti pesanti e, una volta assemblati e cuciti con grande cura, permettevano di ottenere calzature calde e robuste da indossare ma anche da scambiare: ebbene sì, spesso venivano barattate al fine di portarsi a casa beni di prima necessità come burro o formaggio o altri prodotti alimentari. Le pantofole avevano innumerevoli utilizzi, potevano essere indossate tanto in casa quanto nei campi, come scarpe da lavoro data la loro robustezza, quanto nei giorni festivi e si distinguevano dalle precedenti per l’uso di stoffe dai colori più vivaci e dai graziosi ricami presenti sulla punta. La suola è formata da diversi strati di stoffa che vengono assemblati e trapuntati con cordicelle precedentemente intrecciate che si chiamano ligneul; c'è poi la tomaia, anch’essa formata da tre strati di tessuto trapuntato cuciti a mano avvalendosi sempre della stessa corda usata per la suola. 
 
LE CARATTERISTICHE La lavorazione di queste tradizionali pantofole è eseguita tutta a mano avvalendosi di tessuti di lana di recupero e il risultato finale è un prodotto dall'ottima fattura, allegro nei colori usati anche se, generalmente, ad avere la meglio è il rosso, tonalità che caratterizza il costume tradizionale della località montana.
 
IL TERRITORIO Le calzature tipiche si possono ammirare presso la Mostra permanente di calzature tradizionali della Valle d'Aosta presso la Cooperativa "D'Socka" da Gressoney-Saint-Jean in quel di piazza Beck Peccoz. Una preziosa occasione per guardare, ma anche per acquistare i pezzi della produzione artigiana valdostana, è la Fiera di Sant'Orso, il più importante evento del genere dell'arco alpino che, ogni anno, attende nelle giornate del 30 e 31 gennaio nel centro storico di Aosta.
 
INDIRIZZI Un polo di fondamentale importanza che ha permesso a quest’arte di sopravvivere è la Cooperativa D'Socka, sita in quel di Gressoney St.Jean là dove, dal 2001, su iniziativa della signora Luciana Ferraris, riprendendo l’antica lavorazione delle tradizionali pantofole, si realizzano oggi come un tempo questi manufatti interamente cuciti a mano. Tanta tenacia e tanta passione hanno permesso di far conoscere e apprezzare ad un pubblico sempre più ampio queste pantofole tipiche della Valle del Lys, realizzabili anche in maniera del tutto personalizzata in base alle richieste del cliente. Inoltre, chi fa visita a questo laboratorio artigianale, può ammirare anche altri preziosi tesori dell'artigianato locale quali i costumi tipici della vallata, bambole fatte a mano, accessori per la casa etc.
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Valle d'Aosta
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100