Cerca nel sito
artigianato italiano campania seta San Leucio

San Leucio, la seta dei Borboni

Damaschi, broccati e jacquard risplendono al Quirinale, al Vaticano e nella sala Ovale della Casa Bianca. La loro origine è nella tradizione serica del casertano

Museo della seta
Courtesy of©reggiadicaserta.beniculturali.it
A pochi chilometri dallo sfarzo della Reggia di Caserta a spalancare le porte ai visitatori assetati di cultura è un'altra meraviglia: San Leucio. Il nome di questa frazione ha fatto il giro del mondo e i meriti vanno alla lavorazione della seta. La sua storia è custodita all'interno del Complesso Monumentale del Belvedere (riconosciuto dall'Unesco Patrimonio dell'Umanità), là dove prese forma quello che era il sogno di Re Ferdinando: creare una vera e propria realtà industriale alla cui base vigevano principi di uguaglianza sociale ed economica.

LA TRADIZIONE  Decisamente interessente la storia che ha visto l’arte serica affermarsi nel casertano, un vanto locale che rimanda alla famiglia dei Borbone: ebbene sì fu Ferdinando IV, figlio della regina Amalia e di Carlo III di Borbone che, nel 1778, trasformò il Complesso Monumentale del Belvedere di San Leucio (noto anche come "Belvedere" per la vista mozzafiato sulle campagne, il Vesuvio e Capri) in una fabbrica della seta. Quella che era nata come una riserva di caccia divenne quindi una sorta di comunità con tanto di case e scuole il cui funzionamento era legato a uno specifico Codice delle leggi che sanciva l'autonomia del piccolo borgo, ma non solo. Ne regolamentava anche il funzionamento ispirandosi a principi quali uguaglianza e solidarietà; inoltre era prevista formazione gratuita e obbligatoria per tutti. Il successo fu tale che le richieste dei tessuti realizzati dalla comunità, nota come "Real Colonia Serica di San Leucio", provenivano da ogni dove: parliamo infatti di pezzi unici, tende, arazzi e broccati di ottima fattura pronti a vestire di eleganza ogni prestigiosa dimora. Basti pensare che validi esemplari di seta di San Leucio tutt’oggi arredano la Reggia di Caserta oltre alle stanze del Vaticano, del Quirinale e ancora lo Studio Ovale della Casa Bianca nonché le bandiere, comprese quelle che sventolano a Buckingham Palace. Tutto funzionò alla perfezione fino al 1861 anno in cui, a seguito della invasione sabauda, il Regno fu annesso al Piemonte e il setificio venne privatizzato. Fu così che gli operai che avevano partecipato a questo ambizioso progetto decisero di aprire delle piccole aziende familiari e, nel 1992, realtà come il Setificio Cicala, l’Antico Opificio Serico De Negri, Industrie Tessili Alois, la Manifattura Tessile Boccia, la Alois, la Passamanerie San Leucio, la Arte Seta Alois e la Giuseppe De Negri e Figli si riunirono dando vita al Consorzio San Leucio Seta con l'intento di tutelare tanto la qualità quanto l’originalità dei prodotti leuciani e promuoverli in ambito internazionale.

LE CARATTERISTICHE All’interno di questa città-fabbrica si svolgevano tutte le fasi del processo produttivo che portavano alla realizzazione di veri capolavori artigianali: il filo del baco da seta (lungo anche centinaia di metri), dopo esser stato ammorbidito nell'acqua calda e steso in tensione, andava a formare delle matasse. Successivamente, meditante il supporto di un telaio in legno, si procedeva alla tessitura ovvero alla rifinitura dei tessuti. Al giorno d'oggi, complice la tecnologia, il sistema tradizionale ha subito dei cambiamenti: una volta realizzato il disegno, infatti, viene scannerizzato e passato a un telaio meccanicizzato che, come per magia, permette ai tessuti di prendere vita.

IL TERRITORIO A San Leucio è possibile fare un salto indietro nel tempo facendo visita al famoso Palazzo del Belvedere là dove è ospitato il "Museo della seta", un prezioso contenitore di meraviglie che permette di ripercorrere le tappe salienti del successo serico di questa realtà ammirando antichi macchinari, telai, manufatti, torcitoi ma non solo. Degna di nota la visita degli appartamenti reali con sale affrescate, i giardini del Belvedere e la Casa del Tessitore, valido esempio di abitazione operaia. Chi capita da queste parti in estate, nelle specifico a luglio, può trovarsi spettatore del "Leuciana Festival", una rievocazione storica in costume mentre, nel mese di ottobre, il Belvedere è protagonista di un altro appuntamento, la rassegna enologica “Festa del Vino, delle Vigne e della Seta”.

INDIRIZZI L'arte della seta di San Leucio, nonostante sia sopravvissuta all’incessante scorrere del tempo, ha visto molto ridimensionarsi quello che era un vanto assoluto: oggigiorno un nome di riferimento è quello dei Cugini De Negri, con il loro stabilimento serico sito nei pressi della Piazza della seta, la cui abilità è nella lavorazione dei tessuti per gli arredi.

LE FOTO: SAN LEUCIO TRA SETA E SPLENDORE

Altre città della seta italiane:
COMO, UN LAGO DI SETA

Argomento precedente
LECCE TRA BAROCCO E CARTAPESTA


Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100