Cerca nel sito
Italia tradizioni artigianato legno

I segreti del legno in 5 tappe italiane

Dalle bambole ai mobili: museo dopo museo si scopre il fascino di un materiale dai mille usi

Lavorazione legno
Courtesy of©sdigital/iStock
Lavorazione legno
1. MUSEO DEL FALEGNAME TINO SANA DI ALMENNO SAN BARTOLOMEO
Tutti coloro che hanno nostalgia del famoso 'fai da te', possono riscoprire il fascino della tradizione ad Almenno San Bartolomeo, in provincia di Bergamo. Facendo tappa al Museo del Falegname Tino Sana, in 3.500 mq di esposizione, è possibile scoprire gli attrezzi del falegname ma anche prendere parte a iniziative, incontri e manifestazioni che intendono promuovere il legno come materia prima ecologica e biodegradabile. VAI ALL’ITINERARIO

 
2. MUSEO DELL’ARTIGIANATO VALDOSTANO DI TRADIZIONE A FENIS
L’amore per la tradizione si riscopre al Museo dell’Artigianato Valdostano di tradizione (MAV) a Fénis dove, all’interno di Villa Montana, è possibile ammirare manufatti prevalentemente in legno. Non solo: sono tanti i laboratori che permettono di divenire, ad esempio, artigiani per un giorno. VAI ALL’ITINERARIO
 
 
3. TARSIA LIGNEA DI SORRENTO
Il fascino del legno passa per la tarsia sorrentina, un’arte antica che vede cimentarsi i Maestri Artigiani locali in un complesso processo lavorativo attraverso il quale vengono plasmati oggetti di elevato pregio quali mobili, attrezzi etc. caratterizzati da ricche decorazioni. Il tutto si ammira facendo tappa al Museo Bottega della Tarsia Lignea, allestito tra le sale del settecentesco Palazzo Pomarici Santomasi. VAI ALL’ITINERARIO


4. IL LEGNO DELLA BASILICATA
Non c’è che dire, la Basilicata, nel corso dei secoli, ha sviluppato una fiorente tradizione legata alla lavorazione di diversi tipi di legnami. Si spazia dall'acero (particolarmente adatto alla realizzazione delle botti), al castagno fino al noce da cui si ottengono mobili di eccellente qualità. Inoltre, tra i più diffusi, si distinguono la quercia, l'abete, il faggio, il ciliegio ed il pero. VAI ALL’ITINERARIO


5. LE BAMBOLE DELLA VAL GARDENA
La lavorazione delle bambole lignee è un’attività che in Val Gardena ha radici molto antiche. Oggi a mostrare cotanta bellezza sono piccoli atelier e il Museum de Gherdëina di Ortisei, un prezioso contenitore di meraviglie dove contemplare innumerevoli giocattoli tra burattini, bambole snodabili, cavalli a dondolo, rigorosamente in legno, collezionati da Giovanni Senoner Vastlé e risalenti al periodo storico compreso tra il 1700 e il 1940. VAI ALL’ITINERARIO

Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Valle d'Aosta
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100